28 maggio 2020

Sport

Chiudi

09.07.2019

Primo non prenderle Il nuovo Vicenza riparte dalla difesa

Il terzino Barlocco è stato il primo obiettivo in difesa
Il terzino Barlocco è stato il primo obiettivo in difesa

«Primo, non prenderle. Secondo, imperativo: vincere. Terzo: non c'è un terzo punto perchè i primi due han già detto tutto». Fa sempre bene rispolverare il Bearzot pensiero. Questa battuta, l'ex ct della nazionale la rilasciò il 5 luglio 1982, prima di Italia-Brasile (3-2). E che c'entra tutto questo col Vicenza griffato Magalini e Di Carlo? RESTAURAZIONE. A ben guardare, la difesa è stato il primo reparto ad essere sistemato. In biancorosso sono arrivati i due terzini Barlocco e Cappelletti che in una difesa a quattro verranno con ogni probabilità schierati rispettivamente a sinistra e destra; con Padella trequarti di retroguardia sarà a posto. Va ricordato che Di Carlo disporrà già di due centrali sostanzialmente esperti che rispondono ai nomi di Bizzotto e Pasini che nella passata stagione hanno fatto quasi sempre coppia fissa al centro; si aggiungono Davide Bianchi, che dovrebbe restare, e Bonetto che ha appena rinnovato il contratto con via Schio. Non è un caso che Magalini abbia piazzato i primi colpi in difesa, un reparto che dopo l'annata scorsa andava senz'altro restaurato. Sulle fasce, in particolare, il diesse si è concentrato sin da subito: è lì che il Vicenza ha sofferto di più quando si è trovato a gestire due buoni giocatori come Andreoni e Solerio, troppo spesso però infortunati e discontinui. Come si ricorderà, nel Vicenza di Colella un grande lavoro l'hanno effettuato Davide Bianchi e Stevanin, ma per puntare ai vertici del campionato la squadra biancorossa ha bisogno, oltre che di quantità, di qualità. E in questo senso vanno lette le prime operazioni del direttore sportivo in accordo con l'allenatore. CENTIMETRI. In serie C giocarsela sul piano fisico diventa decisivo. L'ha dimostrato il Pordenone, promosso in serie B: una squadra forte qualitativamente ma anche molto strutturata in tutti i reparti. Chili e centimetri potrebbero giovare anche al Lane. Le partite infatti si vincono spesso con un colpo di testa su calcio d'angolo o grazie all'anticipo di un difensore sull'attaccante avversario. Insomma, ci vuole la testa e la nuova difesa biancorossa sembrerebbe averla. Barlocco, 24 anni, è 1.81, Cappelletti, 27, è alto 1 metro e 83, Pasini misura 1 metro e 85 e Bizzotto 1 e 83; Padella (30 anni)è un altro marcantonio di 1 metro e 85; all'appello mancano Bonetto, pure lui 185 centimetri, e Davide Bianchi che della compagnia è il più piccolino (1 metro e 78) ma ha fiato da vendere. L'età complessiva della difesa suggerisce che sono stati scelti giocatori sostanzialmente maturi in grado di fare la voce grossa in campo e sufficientemente esperti della categoria. IN RITIRO. C'è un aspetto abbastanza importante da considerare. I biancorossi sabato raggiungeranno Asiago per il ritiro e Di Carlo potrà cominciare già a porre alcune basi tattiche. Lo farà proprio a partire dalle retrovie iniziando a mentalizzare i giocatori sulla propria filosofia di gioco e quel modulo a cui il tecnico di Cassino riterrà opportuno affidarsi nel corso della stagione. Nelle sue esperienze precedenti, Di Carlo si è dimostrato tatticamente camaleontico, utilizzando più spesso tre assetti: il 4-3-1-2, 4-3-3 o il 3-4-1-2. Non è dato sapere al momento quali siano le sue idee per il Lane, ma di sicuro non siamo di fronte ad un allenatore statico, legato ad un solo modulo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Marta Benedetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno