20 luglio 2019

Sport

Chiudi

05.04.2019

«La pazienza sta finendo»

Marta Benedetti Rossi, Baggio, l'era Guidolin. Gli anni in A, le stagioni in serie B, le promozioni, le retrocessioni, la Coppa Italia. E poi i ripescaggi, il fallimento, il nuovo inizio con Rosso. Paolo Cantele, storico fondatore dei Vigilantes e leader del tifo biancorosso, noto per il suo carisma e le sue verità, potrebbe parlare per ore del Vicenza, dei suoi tifosi e della storia biancorossa. Per il momento si limita alla situazione attuale. Gli argomenti non mancano e Cantele non ci gira attorno: «Purtroppo stiamo pagando l'inadeguatezza societaria» - colpisce a freddo “Pancho”, 56 anni, che da anni si occupa dei rapporti tra società e tifo. UNA SCONFITTA. «Per me andare ai playoff è una sconfitta – tuona ancora Cantele -, questa è una categoria da mangiare in un boccone. Abbiamo un presidente facoltoso, che ha entusiasmo. Ora ci sono dei soci, rappresentanti di imprese eccellenti del nostro territorio. Una società come il Vicenza non deve nemmeno porsi il problema playoff – argomenta - questa piazza merita molto di più. Siamo a Vicenza e non a Bassano. Se Rosso pensa con la testa dello scorso anno, non si fa tanta strada. Noi dobbiamo essere la Juventus della serie C, bisognava fare come il Pordenone: un percorso netto, in testa dall'inizio alla fine». Domenica il Vicenza giocherà a Teramo, una formazione che vuole salvarsi ma tuttavia non rinuncia ad aspirare ai playoff. La classifica è corta e ci sono ancora 15 punti in palio, non pochi. CHE FATICA. «Con le piccole abbiamo faticato troppo, non c'è mai stata una continuità, manca la mentalità e soprattutto gli uomini arrivati a gennaio non sono riusciti a sortire il cambio di marcia che si attendeva». Ma qual è ora la posizione della Curva? «La gente sta portando pazienza ma il prossimo anno ne avrà molta meno, giusto 4-5 partite». Capitolo direttore sportivo. Werner Seeber è al centro dei malumori dei tifosi. Cantele parte da lontano: «Faccio un passo indietro. Paolo Cristallini per me era una persona degna, ha spesso fatto le nozze con i fichi secchi. Al di là dei problemi che ci sono stati, è riuscito a portare a Vicenza grandi nomi, giocatori importanti, pur avendo un budget contenuto. Io dico che magari Seeber non sarà il migliore direttore sportivo in circolazione, però penso abbia delle conoscenze. Se deve rispettare un budget, è difficile che possa portare qui certi giocatori. Anche il diesse è figlio degli investimenti della società. Insomma, per concludere, qui non ci accontentiamo, Vicenza ha una storia e soprattutto deve avere un futuro di un certo tipo. Dal prossimo anno sarà anche dura riproporre la questione abbonati. Mi auguro di cuore che la società sia già al lavoro per la prossima stagione». FUORI CONTROLLO. Cantele non è l'unico esponente di spicco della Curva ad esprimersi. Sulle frequenze di Radio Zonkie è andata in onda Fuori controllo, la trasmissione che ogni settimana dà voce ai tifosi. Si è parlato inevitabilmente del pareggio, poco soddisfacente, tra Vicenza e Ternana e delle dichiarazioni rilasciate a fine gara dal patron del Lane. «Rosso ha detto che ci vogliono le persone giuste nei posti giusti, bene – ha dichiarato Christian Brojanigo -, e si parta dalla dirigenza. È evidente che Seeber ha delle responsabilità». E sui giocatori aggiunge, «Salviato è ormai un ex giocatore, Laurenti poi lo vede solo Colella». • X © RIPRODUZIONE RISERVATA

Marta Benedetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
73
U. Triestina
67
Imolese
62
Feralpi Salò
62
Monza
60
Sudtirol
55
Ravenna
55
L.r. Vicenza Virtus
51
Sambenedettese
50
Fermana
47
Ternana
44
Gubbio
44
Albinoleffe
43
Teramo
43
Vis Pesaro
42
Giana Erminio
42
Renate
39
Rimini
39
Virtus Verona
38
Fano A.j.
38
Albinoleffe - L.r. Vicenza Virtus
0-1
Fano A.j. - U. Triestina
1-0
Feralpi Salò - Pordenone
2-2
Fermana - Sambenedettese
1-3
Giana Erminio - Vis Pesaro
3-3
Gubbio - Virtus Verona
1-0
Ravenna - Imolese
3-3
Rimini - Renate
0-0
Sudtirol - Monza
0-3
Teramo - Ternana
0-0