16 dicembre 2019

Sport

Chiudi

08.11.2019

Idea Liviero per un tiro mancino

Matteo Liviero all’Euganeo ha segnato su calcio di punizione. TROGU
Matteo Liviero all’Euganeo ha segnato su calcio di punizione. TROGU

Il Vicenza mercoledì sera a Padova ha battuto quattro colpi. L’ampia vittoria ottenuta all’Euganeo (1-4) ha una valenza che va oltre il passaggio del turno in coppa: anche in ottica campionato, infatti, questo successo ha dato indicazioni utili e confortanti in vista dei prossimi impegni, a cominciare dalla complicata trasferta di domenica a Trieste. ALTERNATIVE CREDIBILI. Spesso Mimmo Di Carlo ha sottolineato come in questa rosa ampia e di qualità, più che titolari e riserve, ci siano titolari che partono dal primo minuto e altri che dalla panchina devono tenersi pronti alla chiamata. Inevitabilmente le scelte del tecnico in campionato hanno delineato per molti ruoli gerarchie piuttosto nette; tuttavia diversi dei giocatori impiegati in questo derby di coppa hanno sfruttato bene l’occasione, facendo salire le proprie quotazioni. È il caso di Davide Bianchi, che dopo tante settimane trascorse a guardare i compagni ha dimostrato con i fatti che, quando ci sarà bisogno, su di lui si potrà contare. Ma se quasi certamente il terzino virgiliano non “ruberà” una maglia da titolare a Bruscagin a Trieste, al pari del portiere Albertazzi che si è comunque confermato “alter ego” affidabilissimo di Grandi, altri protagonisti della serata dell’Euganeo potrebbero candidarsi autorevolmente per partire dal primo minuto anche domenica. Sembra in spolvero Liviero, protagonista di un’ottima prova da terzino sinistro coronata da un bel gol su punizione: il numero 11 ha ribadito di essere un’alternativa credibile e di pari livello a Barlocco. Toccherà ora al tecnico Di Carlo fare delle scelte. Nel frattempo in attacco ha ritrovato la rete Arma, che ora potrà giocarsi le sue carte con Guerra e Saraniti per affiancare in prima linea Marotta. Senza dimenticare Zonta, jolly prezioso di centrocampo che alza l’asticella della concorrenza interna con i vari Pontisso, Cinelli e Rigoni. VARIANTE TATTICA. La serata è servita a Di Carlo anche per testare nel corso di un’intera partita ufficiale quel modulo 4-4-2 finora adottato solo in corso d’opera, in particolare quando il 4-3-1-2 di partenza è andato in difficoltà contro avversari che sviluppano il gioco in ampiezza. Domenica al Rocco, salvo stravolgimenti tattici pensati dal tecnico rossoalabardato Gautieri dopo la brutta sconfitta per 3-0 rimediata a Salò, il Vicenza troverà una Triestina che in genere si schiera proprio con il 4-4-2: Di Carlo deciderà stavolta di giocarsi la sfida a specchio, partendo fin dal primo minuto con la stessa disposizione tattica? L’assenza per squalifica di Giacomelli rende l’ipotesi meno plausibile, anche se in teoria nulla vieterebbe di schierare come ala sinistra uno tra Barlocco e Liviero, dato che entrambi hanno già interpretato con profitto quel ruolo in carriera. REAZIONE IMMEDIATA. La terza indicazione utile giunta da Padova è forse la più importante di tutte. Questo Vicenza non solo ha una rosa profonda e la capacità di variare sistema di gioco; ha anche e soprattutto carattere, la capacità di rialzarsi subito dopo una sconfitta bruciante come quella rimediata nel derby di campionato nel Menti. Il Lane ne aveva già dato prova dopo il primo ko stagionale di Piacenza, infilando tre vittorie in una settimana. Dopo la “parziale” vendetta sul Padova, centrare il bis domenica al Rocco significherebbe superare l’esame di maturità definitivo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Guiotto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
39
Legnago Salus
33
Cartigliano
32
Adriese
31
Ambrosiana
31
Feltre
30
Mestre
30
Cjarlins Muzane
30
Union Clodiense Chioggia
29
Luparense
25
Delta Rovigo
24
Belluno
24
Montebelluna
24
Este
22
Chions
22
Caldiero
20
Villafranca Vr
14
Tamai
10
Vigasio
10
San Luigi
9
Adriese - Villafranca Vr
5-1
Ambrosiana - Delta Rovigo
2-1
Belluno - Montebelluna
0-1
Campodarsego - Mestre
0-0
Cartigliano - Caldiero
1-1
Cjarlins Muzane - Tamai
2-1
Legnago Salus - Chions
2-0
Luparense - Feltre
2-3
San Luigi - Vigasio
3-2
Union Clodiense Chioggia - Este
2-1