20 novembre 2019

Sport

Chiudi

06.10.2019

E adesso Di Carlo passa all’incasso «Serve concretezza»

Mimmo Di Carlo sta caricando a dovere la squadra: il Cesena, pur essendo fresco di promozione dalla  D, è una squadra temibile. Ed è pure sorretta da un pubblico molto caldo
Mimmo Di Carlo sta caricando a dovere la squadra: il Cesena, pur essendo fresco di promozione dalla D, è una squadra temibile. Ed è pure sorretta da un pubblico molto caldo

Il campionato è ancora lungo, ma quello di domani alle 20.45 al Menti col Cesena sarà un buon test per capire di che pasta è fatto il Vicenza che dovrà dimostrare di essere squadra compatta, perchè il Cesena sarà pronto a punire ogni incertezza. Di Carlo, arriva una squadra tosta che potrà essere un esame per le aspirazioni del Vicenza? «Puntiamo in alto, ma per riuscirci dobbiamo affrontare tutte le gare con la stessa determinazione. Certo il Cesena è squadra a cui il tecnico Modesto fa applicare un bel gioco e in velocità, ci sarà da combattere per 95' filati, ma ne verrà fuori un bello spettacolo perchè davanti si troverà un gran Vicenza pronto a giocare una gara intensa». Sarete ben più sollecitati rispetto alle ultime gare? «Molto dipenderà da noi! Sappiamo che non potremo rilassarci, perchè per mentalità pure se in svantaggio attaccano sempre». Dovrete essere bravi soprattutto a... «Leggere le situazioni, ma dovremo avere maturità, pazienza e ardore. I miei ragazzi ce la possono fare». Avete preso solo 3 gol, come il Padova, la difesa sta diventando il punto di forza? «Sì, ma non può bastare, deve esserci anche l'equilibrio e il gioco d'attacco. Un altro aspetto importante sono le seconde palle che in questa categoria fanno la differenza». Lei si aspetta che il Cesena venga a fare la gara? «Ma questi sono pure bravi a difendere perchè lo fanno in undici, anzi pure con la panchina, poi ripartono in velocità e possono far male, detto questo davanti ci saremo noi... L'importante? Restare sempre concentrati senza mai abbassare la guardia». La preocccupa il fatto che il Vicenza arrivi a segnare grazie alla giocata del singolo più che su azione manovrata? «No, caso mai sono preoccupato quando col Gubbio facciamo solo tre gol o al contrario quando con la Vis Pesaro non riusciamo a farne. Per questo voglio vedere più concretezza perchè bisogna finalizzare le tante occasioni che creiamo, poi per carità meno male che c'è la giocata del singolo visto che abbiamo tanti elementi di qualità, anzi devono averla». Il fine ultimo è vincere se si vuole andare lontano. «Sì ma dobbiamo riuscirci come squadra! Nell'ultima gara è vero che abbiamo vinto per merito della giocata del singolo, ma nelle due precedenti questo non era accaduto. E torniamo sempre lì: se non si gioca di squadra di partite ne vinci poche». Centrocampo un po' in sofferenza: non ci sarà Cinelli squalificato e non sono al meglio Zonta e Pontisso. «Sì, settimana particolare, a Zonta abbiamo cercato di evitare i contrasti visto la botta che aveva preso e Pontisso lo abbiamo lasciato a riposo precauzionale, entrambi però saranno disponibili». Chi sarà compagno di banco di Marotta tra Arma e Guerra? «Perchè di Marotta? Chiaro che ha fatto un grande gol che ci ha risolto la gara con la Virtus però io guardo pure gli allenamenti. Sceglierò anche in base al modo di giocare del Cesena perchè è squadra che deve essere attaccata in profondità». E che schiera Butic autore di 4 gol, preoccupato? «Mica c'è solo lui, questi hanno qualità e fisicità, ma soprattutto corrono e per spuntarla dovremo saperlo fare quanto loro, ma con determinazione e qualità». Lei è un ex del Cesena. «Come il Vicenza con la C non c'entra nulla ed entrambe hanno tifosi da serie A. Ci sono stato bene, ho il rammarico di non aver potuto ripartire da lì per tornare in A, d'altra parte i matrimoni si fanno in due. Il destino ha voluto che l'anno dopo fosse proprio il mio Spezia ad eliminarli dai quarti di finale. Eppure il Cesena uscì dal suo stadio tra gli applausi, perchè il pubblico aveva capito che noi avevamo giocato meglio!».

Alberta Mantovani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
31
Cartigliano
28
Adriese
25
Union Clodiense Chioggia
24
Legnago Salus
24
Cjarlins Muzane
24
Mestre
23
Luparense
21
Feltre
21
Chions
19
Este
19
Ambrosiana
19
Caldiero
18
Montebelluna
17
Delta Rovigo
15
Belluno
15
Villafranca Vr
12
Tamai
7
Vigasio
7
San Luigi
6
Ambrosiana - Caldiero
1-1
Belluno - Cartigliano
0-2
Campodarsego - Adriese
2-1
Cjarlins Muzane - Villafranca Vr
4-3
Delta Rovigo - Feltre
1-1
Luparense - Legnago Salus
2-3
San Luigi - Mestre
1-2
Tamai - Montebelluna
0-2
Union Clodiense Chioggia - Chions
3-2
Vigasio - Este
1-4