16 dicembre 2019

Sport

Chiudi

31.10.2019

«Che gioia il Menti tutto esaurito»

Una sciarpata della curva durante la partita contro la Reggiana. Domenica sold out e grande apprensione sotto il profilo della sicurezza. Oggi vertice in questura.  TROGU
Una sciarpata della curva durante la partita contro la Reggiana. Domenica sold out e grande apprensione sotto il profilo della sicurezza. Oggi vertice in questura. TROGU

Pensiamo a godercela, il resto si vedrà. Sembra questo il messaggio che arriva dal direttore sportivo Giuseppe Magalini, l’uomo che ha costruito insieme al tecnico Do Carlo, il mercato del Vicenza. Si deve a lui se i vari Vandeputte, Rigoni, Marotta, Cappelletti e Padella, per non parlare di una rosa ampia e di qualità costruita nel dettaglio, sta facendo la differenza in serie C. Vale il primo posto dopo 16 anni che non accadeva, l’ultima volta era il Lane di Mandorlini primo in serie B e successivamente caduto nelle retrovie. Ironia della storia sportiva... un Mandorlini ci sarà ancora allo stadio Menti, si tratta di Matteo figlio di Andrea. Quattro giorni al big match, la soddisfazione di Magalini è grande: «Sapere che lo stadio sarà sold out, che ci sarà il tutto esaurito, mi dà gioia, tanta soddisfazione. Siamo riusciti in poco tempo a portare entusiasmo tra la gente, ridare fiducia alla piazza e tutto questo in pochi mesi, in appena dodici giornate. Avevo l’obiettivo di riportare a Vicenza questi numeri, questa euforia ma non mi aspettavo di ottenere il risultato in così poche settimane. È la mia soddisfazione personale più grande. Sapere che dopo dodici giornate non ci sono più biglietti per assistere al derby e c’è un’atmosfera così carica in vista del derby con il Padova ti ripaga del lavoro fatto». Euforia, ma anche piedi per terra. Il ds predica calma perchè il Vicenza di strada da fare ne ha ancora tanta davanti: «Per raggiungere gli obiettivi l’importante è la continuità di risultati, non bisogna fare calcoli adesso. La nostra missione deve essere quella di fare punti ogni domenica, poi si tirano le somme. Da quello che vedo credo che questo sarà un campionato equilibrato fino alle fine, non ho visto squadre che tireranno la volata, ecco perchè dico che l’importante è essere costanti». E poi c’è il Padova, secondo in classifica dopo un avvio di stagione da imbattibile, il Vicenza ha avuto il merito di essere lì dietro pronto ad approfittare di un mezzo passo falso per poi mettere la freccia. «Il Padova? La ritengo una delle squadre migliori - spiega Magalini - la metto insieme a noi e alla Triestina per il valore della rosa. Poi a gennaio ci sarà un altro passaggio che rafforzerà anche la, Feralpi Salò, Reggiana e il Südtirol». Il Vicenza visto domenica in casa della Sambenedettese ha dato una prova di forza e di grande compattezza, vero che c’è stato il vantaggio per l’espulsione del portiere, altrettanto vero che il Lane quella partita l’ha dominata con la testa e con le gambe: «È stata una vittoria importante perchè il gruppo ha fatto vedere una gestione matura della partita e la voglia di portare casa il risultato, i ragazzi stavano bene mentalmente. Piuttosto se non la vincevi quella gara saremmo qui a parlare di involuzione, invece i tre punti ci hanno dato la spinta verso la gara in casa con il Menti». Il derby sarà determinante per il campionato? «Assolutamenete no - chiarisce Giuseppe Magalini -. L’importante sarà non perdere questa partita proprio per quello che dicevo prima. In questo campionato serve continuità di risultati, è questo che farà la differenza tra le squadre. Godiamoci questo derby - insiste Magalini - riavere il Menti stracolmo di gente con i giocatori che respireranno la passione dei tifosi biancorossi, è un grande risultato per tutto l’ambiente. Per il resto facciamo un passo alla volta». Intanto pensiamo a godercela. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Eugenio Marzotto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
39
Legnago Salus
33
Cartigliano
32
Adriese
31
Ambrosiana
31
Feltre
30
Mestre
30
Cjarlins Muzane
30
Union Clodiense Chioggia
29
Luparense
25
Delta Rovigo
24
Belluno
24
Montebelluna
24
Este
22
Chions
22
Caldiero
20
Villafranca Vr
14
Tamai
10
Vigasio
10
San Luigi
9
Adriese - Villafranca Vr
5-1
Ambrosiana - Delta Rovigo
2-1
Belluno - Montebelluna
0-1
Campodarsego - Mestre
0-0
Cartigliano - Caldiero
1-1
Cjarlins Muzane - Tamai
2-1
Legnago Salus - Chions
2-0
Luparense - Feltre
2-3
San Luigi - Vigasio
3-2
Union Clodiense Chioggia - Este
2-1