18 settembre 2019

Sport

Chiudi

23.08.2019

«Campionato di vertice e responsabilità»

I festeggiamenti per il gol contro il Pordenone durante l’ultima amichevole.  FOTO STELLA
I festeggiamenti per il gol contro il Pordenone durante l’ultima amichevole. FOTO STELLA

Alla fine saranno dieci i nuovi giocatori del Vicenza, con una rosa rinnovata molto rispetto all’anno scorso. Una rivoluzione annunciata due mesi fa ma che ora è all’esame del campo. Prima il cambio del diesse, poi l’annuncio del nuovo allenatore e infine il mercato firmato Magalini. Il direttore generale Paolo Bedin è stato uno degli “ideologi” di questa rivoluzione, concertata con il cda ma attuata con la sua regia. Due mesi di lavoro intensi e adesso parola al campo. «Siamo pronti - anticipa Bedin - il lavoro fatto in questi mesi è stato proficuo. Respiro positività e fiducia, ma quando si veste questa maglia ci vuole soprattutto senso di responsabilità, tutti noi dobbiamo assumerci impegni e doveri». Si riferisce ai giocatori? «Non solo, a tutta la struttura. Oltre alla definizione della rosa, siamo impegnati anche sul fronte del completamento della struttura organizzativa e amministrativa». Che idea si è fatto dei nuovi giocatori? «Abbiamo allestito una rosa all’altezza delle aspettative e più competitiva della passata stagione. L’obiettivo è quello di fare un campionato di vertice, stare nel gruppo che si gioca la promozione. Ma sappiamo che ci sarà da lottare e soffrire, perché sarà un campionato duro e competitivo. Abbiamo tanti giocatori di esperienza e personalità, ci sono tanti capitani in campo e questo sarà un punto di forza. La sensazione che ho a pelle, è quella di veder crescere un grande gruppo che però deve capire l’importanza di vestire questa maglia che ha fatto la storia del calcio». Dopo il difensore Bruscagin sono in arrivo altri due rinforzi «Sì, come da programmi, entro il 2 settembre vestiranno biancorosso altri due giocatori. Intanto ci siamo assicurati Bruscagin, un difensore di fascia alta, uno che ha sempre giocato in B. Un top per la categoria. I due nuovi innesti dipenderanno dalle logiche di mercato e dovranno essere compatibili con il budget. Va detto peraltro che fin qui abbiamo investito molto per la rosa, in linea con le squadre d’alta classifica. Che valore aggiunto ha portato Di Carlo? Prima di tutto il grande carisma che esercita nei confronti della squadra e dell’ambiente. E poi la metodologia di lavoro che ha portato insieme al suo staff». Tornando alla rosa, ci sono molti ultratrentenni... «Sono scelte fisiologiche se si punta ad un campionato di vertice. Abbiamo scelto giocatori che abbiano la giusta personalità ed esperienza per gestire pressioni, partite, stampa, tifoseria. Avevamo bisogno di maggiori certezze che vanno di pari passo con l’età. Ma ci sono anche ottimi giovani di prospettiva come Zarpellon, Pontisso o Zonta. E poi deve essere chiaro che questa società ha come obiettivo il rilancio del settore giovanile su cui stiamo investendo molto». Quello che inizia domenica che campionato sarà? «Duro e con piazze importanti. Oltre al blasone bisogna sottolineare la solidità delle società iscritte al campionato. Reggiana, Modena, Salò, Padova e Triestina sono società forti con grande capacità di investimento. E ora il Modena... «Consapevoli però che ci vorrà tempo per trovare l’amalgama della squadra che è cambiata molto. Ma il campionato dura dieci mesi, ci vorrà pazienza e fiducia. I tifosi però devono sapere che stiamo lavorando su tanti fronti, non c’è solo la squadra, questa è una società che vuole crescere. Ci sono le sponsorizzazioni, gli eventi, il bilancio, gli investimenti. Ad ottobre aprirà lo store del merchandising e tra qualche settimana al Menti tornerà il maxi schermo». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Eugenio Marzotto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cartigliano
10
Ambrosiana
9
Cjarlins Muzane
9
Union Clodiense Chioggia
8
Legnago Salus
8
Luparense
6
Campodarsego
6
Adriese
6
Caldiero
6
Belluno
5
Delta Rovigo
5
Chions
4
Montebelluna
4
Villafranca Vr
4
Feltre
3
Vigasio
3
Mestre
2
Este
2
Tamai
2
San Luigi
1
Montebelluna - Cartigliano
1-1
Cjarlins Muzane - Ambrosiana
2-1
Delta Rovigo - Belluno
2-1
Este - Campodarsego
1-3
Mestre - Legnago Salus
2-3
San Luigi - Union Clodiense Chioggia
1-6
Tamai - Luparense
3-3
Feltre - Adriese
1-1
Vigasio - Caldiero
2-0
Villafranca Vr - Chions
2-0