15 dicembre 2019

Tennis

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Tennis

11.11.2019

Berrettini comincia male Sinner sarà la stella a Ortisei

Matteo Berrettini alle Atp Finals di Londra
Matteo Berrettini alle Atp Finals di Londra

LONDRA Falsa partenza per Matteo Berrettini alle Atp Finals di Londra: in poco più di un’ora Novak Djokovic sconfigge nettamente l’esordiente italiano. Troppo forte il campione serbo, che alla O2 Arena rincorre il sesto sigillo dei maestri, oltrechè il primato nella classifica mondiale. Ne scaturisce un match a senso unico, con un inevitabile epilogo (6-2 6-1), che però Berrettini sembra avere già metabolizzato: «Non credo di aver giocato così male, sono deluso ma devo anche essere lucido nell’analisi», è il suo commento. «Essere qui è già un motivo di gioia e orgoglio. Sto prendendo tanti spunti, sono sicuro che crescerò tantissimo». Fin da subito Berrettini è costretto a rincorrere nel punteggio, dopo lo sprint iniziale di Djokovic che vince i primi sei punti del match. L’ultimo dei quali, grazie ad un comodo smash in rete dell’italiano, che paga dazio all’emozione del debutto. Un ace evita il tracollo iniziale, ma già al sesto game il 23enne romano cede il proprio turno di battuta. Sempre in difficoltà con il rovescio, quando anche il dritto lo tradisce, Berrettini va fuori giri. Il primo set si risolve così in meno di mezz’ora, con 18 errori non forzati dell’azzurro. L’inerzia del match non cambia nella seconda frazione: Berrettini riesce ad interrompere una striscia di 12 punti di fila del serbo, ma cede il primo turno di servizio, con un doppio fallo intempestivo. Una volta avanti un set e un break, per Djokovic è facile condurre in porto la vittoria, strappando altre tre volte il servizio all’italiano. Impietoso il computo: Berrettini ha subito cinque break in 7 turni di servizio, riuscendo a raccogliere, nei turni di battuta di Djokovic, la miseria di 4 punti nel primo set, due soli nel secondo. «Sapevo che mi aspettava un match durissimo, ed è stato così: Novak ha giocato benissimo», ha aggiunto Berrettini. «In certi momenti mi sembrava di essere dentro un flipper, con le palle che arrivavano da tutte le parti. Ho cercato di variare, ma era difficile». La pesante sconfitta contro il serbo ha ricordato quella rimediata lo scorso luglio a Wimbledon, contro Roger Federer. «Ma allora non ci avevo capito nulla, avevo giocato in stato confusionale. Oggi ho perso ma sono riuscito ad esprimere il mio tennis. E certamente questa sconfitta non mi butterà giù». Intanto Jannik Sinner ha battuto Alex De Minaur nelle Nex Gen Finals a Milano. «De Minaur è un giocatore straordinario, veloce, è dura fargli il punto», ha detto Sinner. Ma io ho pensato soltanto al mio gioco, a fare meno errori possibile. La mia settimana è stata perfetta, e probabilmente sì, non ho mai giocato così bene. Sapevo che era importante partire forte e, dopo qualche problema in avvio, ho provato a utilizzare al meglio il servizio e i colpi di inizio gioco». «Non ho mai avuto questa attenzione e questo seguito, in tribuna e dai giornalisti. A me piace, mi diverto. Non so se gente come Federer o Nadal si divertano ancora, dopo tanti anni nel Tour, ma io sono all’inizio e mi trovo a mio agio», aggiunge l’altoatesino. La vittoria su De Minaur significa che il livello è già da Top 20? «Beh, è presto per dirlo. Serve continuità, servirebbe una stagione intera a questo livello, cosa che io non ho ancora fatto», conclude. E il campione serbo Novak Djokovic incorona Sinner con queste parole: «È sicuramente la prossima stella» del tennis mondiale. Djokovic spiega di aver guardato in tv la finale della Next Gen vinta dal giovane azzurro. «Aver vinto, in quella maniera, contro De Minaur è davvero impressionante», sono le parole di Djokovic. E dopo il trionfo, Sinner sarà tra i grandi protagonisti dello «Sparkasse Challenger Val Gardena Sudtirol», challenger gardenese alla decima edizione dal 2010 e dotato di un montepremi di 46.600 euro. Il giovane altoatesino, numero 95 della classifica mondiale e secondo favorito del seeding, esordirà mercoledì sera al secondo turno, come tutte le 16 teste di serie. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
38
Cartigliano
31
Legnago Salus
30
Mestre
29
Adriese
28
Ambrosiana
28
Cjarlins Muzane
28
Feltre
27
Union Clodiense Chioggia
26
Luparense
25
Delta Rovigo
24
Belluno
24
Chions
22
Este
22
Montebelluna
21
Caldiero
19
Villafranca Vr
14
Tamai
11
Vigasio
10
San Luigi
6
Adriese - Villafranca Vr
Ambrosiana - Delta Rovigo
Belluno - Montebelluna
Campodarsego - Mestre
Cartigliano - Caldiero
Cjarlins Muzane - Tamai
0-0
Legnago Salus - Chions
Luparense - Feltre
San Luigi - Vigasio
Union Clodiense Chioggia - Este