07 aprile 2020

Sport

Chiudi

08.02.2020

Sarri: «Attenti al Verona» E punta sul tridente leggero

Ivan Juric e Maurizio Sarri durante la gara di andata
Ivan Juric e Maurizio Sarri durante la gara di andata

ROMA Una gara delicata, contro un’avversario che in una settimana ha strappato un punto al Milan e uno alla Lazio. Maurizio Sarri non avrà bisogno di impegnarsi per far capire ai calciatori della Juventus quanto sia complicata la trasferta di Verona. «Penso che la consistenza dell’avversario sia palese», è l’affermazione del tecnico bianconero. «Il Verona sta facendo una grande stagione, è imbattuto da diverse partite, è guidato da un allenatore di altissimo livello: è una squadra pericolosissima». In definitiva «una partita difficile», che i bianconeri affronteranno con la voglia di conquistare i tre punti ed assistere alle insidiose sfide delle inseguitrici. Oltre ad affidarsi a Ronaldo, Sarri sta studiando alcune novità che potrebbero regalare il nuovo volto della Juventus: «Sceglierò il modulo in relazione ai giocatori che danno maggiori garanzie, siamo pronti a giocare con il trequartista o con il tridente». Non solo, visto che nel cantiere della Continassa sarebbe pronto ad essere varato un tridente leggero, con Dybala «falso nueve», opzione che aiuterebbe a mettere in difficoltà le coperture a uomo di Juric: «Potrebbe essere utile avere un attaccante che apre gli spazi, ma poi quando sono aperti avere un centravanti che attacca la profondità sarebbe altrettanto importante. Non escludo nulla». Una delle poche certezze, oltre a Szczesny in porta e alla linea difensiva composta da Bonucci e de Ligt con Cuadrado e Alex Sandro sulle fasce, è Adrien Rabiot, passato da mistero a punto fermo in chiave futura: «Rabiot sta bene, è in crescita ed è in un buon momento. Non dobbiamo scordare chi è Matuidi e le sue caratteristiche, che sulla lunga distanza ci torneranno utili, ma in questo momento penso sia giusto dare continuità ad Adrien visto che sta acquisendo fiducia». Sull’altro fronte, Juric sembra attendere il match più con curiosità che con ansia. Sulla formazione anti Juve il tecnico non cambia. «Prima punta? Le caratteristiche non cambiano molto, una punta la tieni più in mezzo e l’altra più esterna», ha rilevato. «Dipende anche se giocheranno a tre o a quattro. Di certo Amrabat tornerà in mezzo al campo, poi vedremo l’allenamento di oggi». Poi il giudizio sul momento della Juve. «Ora sta diventando la squadra di Sarri», rileva Juric. «Vedo linee più vicine e a livello di gioco hanno fatto passi in avanti. I nostri diffidati? Non sceglierò la formazione in base a quello, ma solo guardando alle condizioni dei ragazzi. Dimarco ed Eysseric sono arrivati per ultimi, è difficile entrare nel ritmo della squadra al momento. Obiettivo? Sempre la salvezza. Ho detto ai ragazzi che se la raggiungono li porto a mangiare fuori, poi se succede prima non cambia». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno