20 aprile 2019

Sport

Chiudi

01.02.2019

La sfortuna placca Zanon Mano ko e bye bye Scozia

Marco Zanon, qui impegnato nel 6 Nazioni U20 contro l’Inghilterra
Marco Zanon, qui impegnato nel 6 Nazioni U20 contro l’Inghilterra

Anche nell’epoca dell’Euro l’impennata del Marco fa scalpore. Marco Zanon a soli 21 anni approda in nazionale maggiore, pure se una doppia lussazione a due dita della mano sinistra sofferta una settimana fa a Belfast gli ha cancellato il precetto per l’ouverture del “Sei Nazioni” domani pomeriggio a Edimburgo con la Scozia. Tre giorni di stop e terapie con lo staff medico della Benetton Treviso e tenersi pronto per la prossima. A Bassano il ragazzone giallorosso (187 cm per quasi un quintale di muscoli, centro di ruolo) ha cominciato sin da ragazzino. «Ho seguito semplicemente le orme di mio fratello maggiore Nicola, di un anno più vecchio di me, che aveva cominciato a giocare sul campo di Cà Baroncello e che ora milita nel Verona nella Top 12 italiana – racconta Marco dal ritiro dell’Acquacetosa a Roma –. Poi ancora adolescente il passaggio a Mogliano e infine a Treviso. Di fatto ho iniziato col rugby perché ci andava mio fratello...». Convocato al posto dell’infortunato Giulio Bisegni, il ct O’Shea non aveva avuto dubbi nell’arruolarlo. Marco invece non era proprio così sicuro. «Ci speravo, ma non me l’aspettavo affatto – rivela – quando me l’ha comunicato il team manager azzurro, sono rimasto a bocca aperta». In compenso questo giovanottone a dispetto dei vent'anni ha le idee chiarissime su tutto quanto il resto. «Come nazionale noi vorremmo fare meglio delle ultime edizioni – argomenta – ma la realtà è che tutte le altre squadre sono cresciute tanto, il livello internazionale si è elevato e sarà dura». E da matricola l'accoglienza è stata comunque superba. «I veterani sono stati i primi a farmi sentire a mio agio – confessa – poi, è naturale, ci sta che tu debba magari metterti di più a loro disposizione. Loro ti ripagano con suggerimenti, consigli e qualche dritta preziosa». E fuori dal rettangolo di gioco che Marco è? «Lo sport alternativo al rugby è il basket, una mia passione – confida – in particolare l’NBA. Ma non ho una squadra del cuore né un giocatore preferito. Ce ne sono almeno una dozzina a stare stretti che mi fanno impazzire». E alla voce svaghi esce dal coro. «Non c’è un hobby prioritario – chiarisce –, vario a seconda degli umori e degli stati d'animo. Ma qualcosa però che coinvolga gli amici». Pure se la copertina spetta alla sua ragazza, che non è esattamente una pincopalla qualunque: Ottavia Cestonaro, triplista vicentina dei Carabinieri. «Pratichiamo entrambi sport ad alto livello e questo aiuta. Ci capiamo e ci intendiamo al volo. Le esigenze alla fine sono reciproche e condivise». Talmente condivise che ora il salto triplo lo sta facendo Marco Zanon. •

Vincenzo Pittureri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
68
U. Triestina
61
Feralpi Salò
58
Imolese
57
Sudtirol
55
Monza
54
Ravenna
53
Fermana
46
L.r. Vicenza Virtus
44
Sambenedettese
44
Vis Pesaro
40
Giana Erminio
40
Gubbio
40
Ternana
39
Teramo
39
Albinoleffe
37
Virtus Verona
37
Renate
35
Fano A.j.
34
Rimini
34
Imolese - Feralpi Salò
3-1
L.r. Vicenza Virtus - Gubbio
2-2
Monza - Rimini
3-0
Pordenone - Teramo
4-0
Renate - Giana Erminio
0-2
Sambenedettese - Albinoleffe
3-0
Ternana - Sudtirol
1-1
U. Triestina - Fermana
3-0
Virtus Verona - Ravenna
1-2
Vis Pesaro - Fano A.j.
1-0