23 settembre 2019

Sport

Chiudi

20.05.2019

I Rangers si salvano in dieci minuti

La gioia dei Rangers Vicenza dopo aver conquistato la permanenza in serie A. FOTOSERVIZIO ANTONIO TROGUUn momento della gara
La gioia dei Rangers Vicenza dopo aver conquistato la permanenza in serie A. FOTOSERVIZIO ANTONIO TROGUUn momento della gara

Salvezza! I Rangers battono la Primavera Roma e restano in serie A. Fin qui la fredda cronaca, ma gli 80' vissuti al “Rugby Arena” di via Francesco Baracca dal popolo biancorosso della palla ovale resteranno davvero nella storia e nella memoria di questa società. Perché un’annata così, in cui anche sfide sulla carta facilissime, leggi Brescia, si sono rivelate dei mini calvari, non la dimentichi più. Si comincia sapendo già che serve il miracolo, ma la pioggia battente e soprattutto la meta di Merendino, che dopo soli 5 minuti intercetta e vola coast to coast fanno capire subito che bisognerà sudarselo. I fumogeni dei tifosi ospiti invadono l'impianto, per loro la meta, intesa come salvezza, è ora dietro l'angolo. Sembra invece un fossato invalicabile la meta, intesa in questo caso come linea, per i vicentini, che per ben due volte ci arrivano a un pelo perdendo la palla proprio al momento di piazzarla. La Primavera è lontana e il tempo si chiude sul 3-10 fissato dalle punizioni del berico Cipriani e del capitolino Salvemme. Nei secondi 40' di gioco scompare la pioggia e con essa anche la sicurezza ospite. Al 5' prove tecniche di prodigio, con lo scozzese Robb Fraser che segna la prima meta. Tre minuti dopo, però, un altro errore sanguinoso dei locali spiana la strada a Salvemme (8-17). Una mazzata, ma quando hai in campo un All Black come King e un gigante come Ludo Torregiani capisci che la guardia può morire ma non si arrenderà mai. E di fatto, il First XV biancorosso conquista la seconda meta con Gastaldo al 43' (15-17 con trasformazione), poi la terza al 64' con Piantella (20-17). La punizione di Salvemme al 30' rimette il risultato in parità e apre gli ultimi 10 minuti di gara, quelli solitamente letali per i vicentini. Invece eccolo lì il miracolo della quarta meta: Torreggiani la realizza caricandosi anche il cuore dei tifosi. Con il bonus offensivo i punti sono 5, come quelli romani, ma lo scontro diretto e soprattutto il grandissimo recupero difensivo del capitano, sigillano la salvezza dei Rangers. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Roberto Luciani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cartigliano
13
Union Clodiense Chioggia
9
Luparense
9
Ambrosiana
9
Adriese
9
Campodarsego
9
Legnago Salus
9
Caldiero
9
Cjarlins Muzane
9
Vigasio
7
Feltre
6
Mestre
5
Belluno
5
Delta Rovigo
5
Chions
4
Montebelluna
4
Villafranca Vr
4
Este
3
Tamai
2
San Luigi
1
Adriese - Tamai
2-0
Belluno - Cjarlins Muzane
0-1
Caldiero - Montebelluna
1-0
Campodarsego - San Luigi
1-0
Cartigliano - Delta Rovigo
3-0
Chions - Feltre
2-3
Legnago Salus - Este
1-1
Luparense - Ambrosiana
2-0
Union Clodiense Chioggia - Vigasio
0-0
Villafranca Vr - Mestre
1-2