27 febbraio 2020

Nuoto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Nuoto

17.09.2019

Giacomin no limits: da Pirano
a Grado a forza di bracciate

Un primo piano di Giacomin durante l’impresa. LORENZATO
Un primo piano di Giacomin durante l’impresa. LORENZATO

Una traversata lunga 23,4 chilometri in mare aperto. È la nuova impresa di Enrico Giacomin portata a termine sabato nuotando con la sola forza delle sue braccia. Sì, perché il 52enne vicentino, originario di Dueville, dal 1990 non ha più il controllo completo delle gambe a causa di un incidente stradale nel quale ha riportato una lesione spinale. Ciò non ha frenato la sua passione per lo sport: dopo le traversate in solitaria dello stretto di Gibilterra nel 2015, dall’isola di Vulcano a Capo Milazzo nel 2016, da Lampedusa all’isola di Lampione due anni fa e i recenti successi in vasca agli European Master Games di Torino, Giacomin ha deciso di alzare ancora l’asticella. Partito poco dopo le 7.30 da Pirano in Slovenia, bracciata dopo bracciata ha raggiunto in otto ore Grado, in Friuli. L’atleta paralimpico del Vicenza Libertas ha nuotato assieme ai master Alberto Ambrosi (della stessa società), Andrea Bullo dei Rari Nantes Venezia e Francesco Baldan del Riviera.

 

«Da tempo pensavo di organizzare un’impresa più vicina a Vicenza, per coinvolgere amici e atleti della zona. Iniziative come questa servono a promuovere lo sport paralimpico e le sue implicazioni benefiche - spiega Giacomin -. Il messaggio che voglio lanciare è semplice: il superamento di un limite deve essere il punto di partenza per porsene di nuovi. Perciò se un ragazzo ha subito una lesione ed è in difficoltà, può trovare nello sport una valvola di sfogo ed essere catapultato in un mondo bellissimo. Mettendosi costantemente alla prova è possibile trovare quelle soddisfazioni della vita precedentemente tolte dalla disabilità».

 

Motivazioni che lo hanno spinto ad affrontare l’impresa nell’Adriatico, supportato da due barche dalla Lega Navale di Grado. «Anche se le previsioni indicavano un mare calmo, alla partenza abbiamo trovato onde fastidiose che ci colpivano di traverso. Da metà percorso – racconta - le acque si sono calmate. Non sono mancati i momenti di difficoltà, uno su tutti quello a poco meno di sei chilometri da Grado. Ho sentito un chiaro dolore muscolare al pettorale. Ho pensato che se fosse divenuto più intenso sarei stato costretto a fermarmi. Fortunatamente un aspetto del nuoto in mare è l’introspezione legata allo sforzo fisico, ai rumori della bracciata che diventano come un mantra: si entra in una sorta di trance che ti permette di andare avanti. Ho stretto i denti e ho continuato: ci sono sempre i momenti in cui vorresti mollare, come nella vita, ma grazie alla forza di volontà si riesce a superare gli ostacoli».

 

Soddisfatto per il buon esito della traversata, Giacomin non ha ancora idee precise sulle imprese future. Resta sempre nel cassetto un grande sogno: il Catalina Channel in California, una delle sette traversate oceaniche. «Difficilissima in quanto lunga 36 chilometri nel Pacifico e impegnativa sia dal punto di vista fisico che da quello economico, Non so se atleti con lesioni spinali siano riusciti a portarla a termine». 

Marco Billo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno