20 ottobre 2019

Motori

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Motori

11.09.2019

Sammartin sgomma e mette tutti dietro Storico tricolore in pista a Castelletto

L’arrivo a ruota alta di Sammartin nella gara che gli regala una delle gioie più grandi della sua vitaElia Sammartin festeggia dopo la vittoria dello “scudetto”
L’arrivo a ruota alta di Sammartin nella gara che gli regala una delle gioie più grandi della sua vitaElia Sammartin festeggia dopo la vittoria dello “scudetto”

Elia Sammartin sul tetto d’Italia della supermoto. Il portacolori originario di Chiampo del Team Phoenix ha chiuso il lungo e combattuto circuito tricolore alzando al cielo la coppa d’oro del primo della classe. Un risultato storico che chiude una stagione sempre in prima fila a combattere. Un finale perfetto con la doppia prova di Castelletto di Branduzzo, teatro delle ultime run con punti pesantissimi in palio, che Sammartin ha saputo conquistare con una tattica perfetta mettendo in mostra le sue doti in sella alla supermoto e la sua intelligenza nel saper gestire al meglio la strategia. Parte subito forte il golden boy vicentino che fa capire sin dalle prove libere che vuole il titolo italiano 2019. Un titolo inseguito tante volte ma soltanto avvicinato in passato con 16 punti da amministrare rispetto ai diretti inseguitori prima della prima run. In qualifica il pilota berico strappa il terzo tempo che gli vale la prima fila. Nelle due manche della prima giornata di gara chiude con un quinto posto totale che gli permettere di allungare a venti i punti di vantaggio su Monticelli secondo nella graduatoria generale. Tutto da giocarsi nella seconda giornata con la pista che apre anche alla parte sterrata per regalare maggiori emozioni e brividi a piloti e tifosi. Terzo posto bis nelle prove cronometrate, posizione che riuscirà a mantenere fino alla bandiera a scacchi sigillando di fatto il titolo tricolore vinto con una manche d’anticipo. L’ultima corsa è una passerella d’oro per Sammartin che si prende il lusso di chiudere la stagione con un ottimo secondo posto dando il la alla grande festa nei box con amici e sponsor accorsi in massa a festeggiare il neo campione italiano di supermoto. «Sono al settimo cielo, volevo tanto questo titolo e ho raggiunto l’obiettivo stagionale – spiega Sammartin – ogni singolo sacrificio o fatica ne sono valsi la pensa, grazie a chi mi è sempre stato vicino, che mi ha sostenuto nei momenti difficili e che mi ha spronato a dare sempre il massimo. Grazie al Team Phoenix che mi ha sempre dato una grande moto, grazie a tecnici e meccanici, grazie alla mia famiglia, agli sponsor e alla mia fidanzata Sabrina che al mio fianco ha saputo trasmettermi sempre energie positive per arrivare al punto massimo della mia carriera tricolore».+ Ora pensieri per chiudere il campionato europeo e poi il Nazioni per difendere i colori azzurri e dare l’assalto a un titolo che saprebbe da ciliegina sulla gustosa torta 2019. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stefano Testoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cartigliano
17
Luparense
16
Campodarsego
16
Adriese
15
Union Clodiense Chioggia
14
Caldiero
14
Ambrosiana
13
Legnago Salus
12
Cjarlins Muzane
12
Mestre
11
Feltre
10
Este
10
Vigasio
10
Belluno
9
Delta Rovigo
9
Chions
8
Villafranca Vr
8
Montebelluna
5
Tamai
3
San Luigi
1
Ambrosiana - Belluno
2-1
Montebelluna - Villafranca Vr
0-0
Cjarlins Muzane - Campodarsego
2-4
Delta Rovigo - Legnago Salus
2-0
Este - Chions
2-1
San Luigi - Adriese
1-6
Tamai - Cartigliano
2-2
Union Clodiense Chioggia - Luparense
1-1
Feltre - Caldiero
1-1
Vigasio - Mestre
1-2