15 dicembre 2019

Motori

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Motori

03.06.2019

Pasticcio tra Marquez e Dovi Petrucci s’infila e trionfa

La gioia incontenibile di Danilo Petrucci, vincitore del GP d’Italia sul circuito del Mugello
La gioia incontenibile di Danilo Petrucci, vincitore del GP d’Italia sul circuito del Mugello

FIRENZE «Non mi sono ancora reso conto di aver vinto». Danilo Petrucci, asciugate le lacrime che lo hanno tradito sul gradino più alto del podio subito dopo aver conquistato il Gran premio d’Italia di MotoGP, non è ancora riuscito a realizzare a pieno l’impresa compiuta. «Voglio ringraziare tutti quelli che hanno creduto in me», dice, «prima fra tutti la Ducati, che nel 2015 mi ha fatto salire sulla moto clienti della Pramac, fino ad arrivare nel team ufficiale quest’anno. Oggi nel box tutti volevano che vincessi. Un grazie speciale anche ad Andrea (Dovizioso) che mi ha accolto nella sua vita come un figlio, anzi, come un fratello. In caso di una mia vittoria mi sarebbe piaciuto che lui arrivasse secondo, ma purtroppo non è stato possibile». Petrucci ha provato a ripercorrere mentalmente quell’ultimo giro della gara: «Alla San Donato ci siamo quasi affiancati in tre, io e Marquez purtroppo abbiamo chiuso Andrea a panino, loro si sono leggermente toccati e io ho trovato il varco preciso per infilarmi. Sono andato davanti e mentre guidavo verso il traguardo mi dicevo che non sarebbe stato giusto se anche questa volta a salire sul gradino più alto del podio non fossi stato io. Poi però tagliare per primo il traguardo è stata proprio un figata», sorride. Lo spagnolo, che era partito in pole, è tra i primi a complimentarsi con il pilota umbro: «È stato davanti tutta la gara e si è meritato la vittoria. Oggi dovevamo difenderci e lo abbiamo fatto molto bene. Alla fine ho provato ad attaccare, ma non ce l’ho fatta». «Sono un po’ deluso», il commento di Andrea Dovizioso, «perchè oggi avevamo bisogno di più punti, ma sono contento per Danilo perchè meritava la vittoria. Ci mancava aderenza perchè la temperatura era molto alta». Un italiano su un’italiana: la Ducati torna sul gradino più alto del podio e si gode anche il terzo posto di Andrea Dovizioso. Gioia ed emozione con un pizzico di rammarico, però, per tutti gli altri piloti di casa: a partire da Valentino Rossi (out dopo nove giri), passando per le cadute dei giovani Franco Morbidelli e Francesco Bagnaia. Il tutto in una gara pazza, probabilmente la più bella dell’anno. Al via Marquez, pole-man di giornata, scatta perfettamente e difende la prima posizione, mentre Dovizioso partito dalla nona casella balza sorprendentemente in terza piazza. Sorpassi e controsorpassi con tanta lotta nel gruppo di testa, mentre nelle retrovie Rossi esce dal tracciato a causa di un’incomprensione con Mir in curva 4 (per poi ritirarsi durante il nono giro in ventunesima posizione dopo una caduta senza conseguenze fisiche). Davanti, invece, si accende la lotta in casa Ducati con Marquez, che al settimo giro va in difficoltà e viene infilato anche da Miller e Rins. Solamente durante il corso del 15° giro il pilota spagnolo riesce a trovare un passo importante con il quale si riappropria della leadership della gara con una bella accelerazione sul rettilineo, beffando Petrucci e Dovizioso. La risposta del Dovi arriva cinque tornate più tardi ma negli ultimi giri è Petrux a trovare lo spunto giusto per infilare la sua moto e dettare il passo. Tanta tensione in un ultimo giro da urlo dove il pilota di Terni viene superato all’esterno da Dovizioso e Marquez sul rettilineo, salvo poi tornare davanti dopo la staccata a seguito di un mezzo contatto tra il suo compagno di squadra e lo spagnolo. E Terni festeggia il suo nuovo campione, dopo Libero Liberati e Paolo Pileri. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
39
Legnago Salus
33
Cartigliano
32
Adriese
31
Ambrosiana
31
Feltre
30
Mestre
30
Cjarlins Muzane
30
Union Clodiense Chioggia
29
Luparense
25
Delta Rovigo
24
Belluno
24
Montebelluna
24
Este
22
Chions
22
Caldiero
20
Villafranca Vr
14
Tamai
10
Vigasio
10
San Luigi
9
Adriese - Villafranca Vr
5-1
Ambrosiana - Delta Rovigo
2-1
Belluno - Montebelluna
0-1
Campodarsego - Mestre
0-0
Cartigliano - Caldiero
1-1
Cjarlins Muzane - Tamai
2-1
Legnago Salus - Chions
2-0
Luparense - Feltre
2-3
San Luigi - Vigasio
3-2
Union Clodiense Chioggia - Este
2-1