12 novembre 2019

Motori

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Motori

23.05.2019

A Monaco nel segno di Lauda «Lascia impronta indelebile»

È il 1996, Michael Schumacher si consulta con Niki  Lauda Sebastian VettelValtteri Bottas
È il 1996, Michael Schumacher si consulta con Niki Lauda Sebastian VettelValtteri Bottas

MONTECAROLO Da un po’ mancava dai paddock e molti speravano di ritrovarlo magari proprio a Montecarlo, dove da pilota aveva trionfato due volte, con la Ferrari. Niki Lauda, invece, non ci sarà, lasciando un grande vuoto nel circus. Lo testimoniano i giovani piloti, che lo rispettavano e lo apprezzavano. «È un momento triste. L’impronta di Niki rimarrà indelebile in Formula 1. Mi mancheranno le nostre chiacchierate e il suo modo poco diplomatico di dire le cose. Un vero campione, nella vita e nello sport», dice Sebastian Vettel, mentre Valtteri Bottas esprime gratitudine per l’aiuto avuto alla Mercedes, dove l’austriaco era presidente non esecutivo ma soprattutto una presenza costante e importante sulle piste. «Niki è stato un grande motivatore, grandioso anche come persona. Era sempre molto ironico e diceva ciò che pensava senza girarci intorno. Era sempre lì a sostenermi, mi ha aiutato tantissimo». Tra i più colpiti dalla improvvisa scomparsa di Lauda c’è Lewis Hamilton, suo caro amico, che ha chiesto di rinunciare alla consueta conferenza stampa, dove si è presentato Bottas. Anche chi non gli era così vicino, come Charles Leclerc, definisce scioccante la notizia del decesso dell’austriaco. «Ogni volta che ci incontravamo nel paddock era sempre gentile e disponibile. È stato un grande campione e la sua personalità mancherà al nostro sport», dice il monegasco. Oggi però si scende in pista, c’è da preparare la gara più affascinante della stagione. E onorare la memoria di Lauda non sarà l’unico stimolo per Ferrari e Mercedes, con il team di Maranello che proverà a dare una svolta alla stagione. «A Montecarlo non c’è spazio per gli errori», spiega Vettel, «e i sorpassi sono quasi impossibili. Per questo la qualifica è fondamentale». Ma come si presenta la Rossa alla nuova sfida? «Stiamo dando il massimo per crescere ma c’è serenità ed è importante che non venga a mancare», afferma Leclerc. «Nei test a Barcellona abbiamo capito alcune cose, anche se magari non sufficienti per arrivare a livello della Mercedes. Dobbiamo ancora lavorare ma gli ingegneri si stanno impegnando». Sul fronte tedesco, forte di cinque doppiette consecutive, Bottas esprime fiducia «Quest’anno arriviamo con grandi attese ma Montecarlo è un unico, quindi dobbiamo essere calmi e motivati». Max Verstappen non ha dubbi nel dare la Mercedes come favorita, pur pensando di avere «buone opportunità di fare bene» grazie alle doti della sua Red Bull. L’ultimo vincitore sulla pista monegasca è Daniel Ricciardo, che non ha quasi nessuna speranza di ripetersi con una Renault. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
28
Adriese
25
Cartigliano
25
Luparense
21
Union Clodiense Chioggia
21
Legnago Salus
21
Cjarlins Muzane
21
Mestre
20
Feltre
20
Chions
19
Ambrosiana
18
Caldiero
17
Este
16
Belluno
15
Montebelluna
14
Delta Rovigo
14
Villafranca Vr
12
Tamai
7
Vigasio
7
San Luigi
6
Adriese - Vigasio
3-1
Caldiero - Union Clodiense Chioggia
0-1
Montebelluna - San Luigi
1-1
Cartigliano - Campodarsego
1-3
Chions - Luparense
1-1
Este - Delta Rovigo
0-0
Legnago Salus - Belluno
3-0
Mestre - Cjarlins Muzane
3-1
Feltre - Tamai
0-1
Villafranca Vr - Ambrosiana
2-4