26 aprile 2019

Sport

Chiudi

07.04.2017

Festa Real Vicenza
Emozioni senza fine
Quarant’anni dopo

VICENZA. Il Teatro Olimpico ti fa venire le farfalle allo stomaco così, per conto suo. E se poi a un certo punto vedi Pablito - sì, Pablito - che si ingroppa capisci che sta succedendo qualcosa di veramente grande. «Scusate - dice Paolo Rossi con voce tremante - mi è venuta giù una lacrima quando ho visto le immagini di Giancarlo... ».

 

40 anni. Giancarlo è Salvi. Era il cervello del Real Vicenza, quella straordinaria squadra che al termine della stagione 77-78 giunse seconda in serie A. Il Giornale di Vicenza ha inteso ricordare i 40 anni di quell’impresa (e in generale il triennio con G.B. Fabbri in panchina) con un’emozionante serata al Teatro Olimpico, cui farà seguito la distribuzione un dvd curato dal giornalista Gianni Poggi (gratis in edicola comprando il GdV di mercoledì 12 aprile). L’atmosfera è da brividi: bruciati i 470 posti del gioiello palladiano, la serata si compone di una brillante alternanza tra ricordi e racconti dell’epoca e visione di filmati. Conduce Luca Ancetti, direttore del GdV, intervengono Stefano Girlanda, caposervizio della redazione sportiva e Andrea Libondi, già caporedattore. Le presenza sono da lacrimoni: sul palco salgono Paolo Rossi, Giussy Farina, Enzo Mocellin, Gianni Simonato, Stefano D’Aversa, Gesualdo Albanese, Michelangelo Sulfaro, Graziano Piagnerelli, Paolo Rosi, Luciano Miani, Vinicio Verza, Massimo Briaschi, Ernesto Galli, Giuseppe Lelj, Mario Guidetti, Valeriano Prestani, Giorgio Carrera, Renato Faloppa, Franco Cerilli e Roberto Filippi. Salutano il vicesindandaco Jacopo Bulgarini D’Elci, Elena Donazzan (assessore regionale a istruzione e lavoro) e Alessandro Zelger (consigliere delegato di Athesis). E si parte. Con le cinture allacciate.

 

La grande bellezza. Il Real Vicenza non era una squadra come le altre, la serata di ieri non poteva essere come le altre. Lo capisci quando sale sul palco Faloppa e gli ex compagni si alzano in piedi. Lo capisci quando Carrera, mattatore della serata, arriva di corsa aggirando le sedie con un salto. E lo capisci soprattutto quando Farina arriva a braccetto con Rossi. Ma se credete che il presidente risenta dell’età... «Ho un ricordo piacevolissimo di quegli anni. Se mi facevano arrabbiare? Qualche volta Filippi»... dice scherzando. E Furia ridendo: «Il problema del presidente erano i soldi... ». Si fa bagolo, ma ci si emoziona tanto. Ci sono immagini che non si dimenticheranno mai: il 4-3 con la Roma, il trionfo di Napoli, la vittoria a Bergamo che segnò l’inizio della grande cavalcata...

 

Eroi. Carrera scherza di nuovo ricordando a Guidetti la pillola, Prestanti si fa serio sottolineando come Fabbri rendesse i biancorossi «immuni dalla paura». La promozione in A passò anche per un sasso che Lelj si beccò a Como (vittoria a tavolino), poi Carrera ricorda come Sulfaro sia stato... il più grande giocatore di calcio-tennis mai visto e si sofferma sulle camere d’albergo con anguria, sopressa e bottiglie. «Ma Fabbri non ci rimproverava. Si fidava. E come potevi tradire un uomo così?».

 

Veneto. Pablito rievoca il primo contratto discusso con i vice presidenti Dario Maraschin e Curzio Levante. «Non capivo niente, parlavano solo in dialetto». E a proposito di trattative, Farina non dimentica i dubbi nati dopo che Agnelli, per farlo arrivare a casa sua, gli aveva fatto cambiare tre taxi. E tanto, tanto, tanto altro ancora. Si chiude con Gianni Grazioli, direttore generale dell’Aic, Umberto Nicolai, assessore allo sport del Comune e Tranquillo “Milo” Cortiana, che racconta quella e tante altre storie nel suo “Urlo del Menti”. Sipario. Applausi. È un sogno che non finisce mai.

Giancarlo Tamiozzo
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
69
U. Triestina
64
Imolese
58
Feralpi Salò
58
Sudtirol
55
Monza
54
Ravenna
54
Fermana
47
L.r. Vicenza Virtus
45
Sambenedettese
44
Teramo
42
Giana Erminio
41
Gubbio
41
Ternana
40
Vis Pesaro
40
Albinoleffe
40
Renate
38
Virtus Verona
38
Rimini
37
Fano A.j.
35
Albinoleffe - Monza
3-0
Fano A.j. - Virtus Verona
1-1
Feralpi Salò - U. Triestina
0-2
Fermana - Imolese
1-1
Giana Erminio - Ternana
0-0
Gubbio - Pordenone
2-2
Ravenna - L.r. Vicenza Virtus
0-0
Rimini - Sambenedettese
3-1
Sudtirol - Renate
0-1
Teramo - Vis Pesaro
2-1