12 luglio 2020

Sport

Chiudi

24.10.2019

Il Beretta se la gioca, ma il finale dice Kursk

Jillian Harmon e, a destra, Dewanna Bonner:  le migliori  protagoniste di Dynamo Kursk - Schio. FOTO  FIBA
Jillian Harmon e, a destra, Dewanna Bonner: le migliori protagoniste di Dynamo Kursk - Schio. FOTO FIBA

Senza Cinili, fermata da un problema alla caviglia prima di scendere in campo, il Beretta trova a Kursk le chance di portare a casa il successo, ma il finale premia le vicecampionesse in carica con una Bonner da 25 punti e 14 rimbalzi. Le russe innescano un primo tentativo di fuga ispirato da Vidmer (15-6) a metà primo periodo, ma le arancioni reagiscono due volte con Crippa che punisce dall’angolo e quattro tiri liberi di DeShields, chiudendo i primi 10' a -4 (23-19). Lo strappo si ricuce nelle battute iniziali del secondo quarto, quando Schio trova un po’ di continuità al tiro con i piazzati di Gruda e Keys, mentre si fa vedere Harmon per il primo sorpasso (25-27) raccogliendo uno dei tanti errori al tiro di DeShields (che poco dopo si fa male). Le padroni di casa tornano a segno con Baric e Bonner, ma devono nuovamente fare i conti con Crippa, che morde in difesa e lancia un paio di contropiedi utili alle scledensi per andare sul 32-35. Cala però l’attenzione nelle ultime due azioni: Dotto getta via un pallone e Bonner sigla proprio sulla sirena di metà partita il nuovo vantaggio casalingo (36-35). Secondo tempo: le protagoniste si confermano essere soprattutto Crippa, Harmon e Gruda. La milanese aggredisce in difesa, la neozelandese e la francese realizzano. Il problema è però la percentuale dall’arco delle russe, fautrice dell’allungo sul 52-44. Ci pensa Andrè ad arrestare il digiuno appoggiando a tabellone su pick and roll. Schio, durante il periodo di riposo concesso a Harmon e Gruda, ci impiega tanto a trovare garanzie in fase d’attacco, anche perché DeShields, tornata sul parquet, non segna praticamente mai dal campo. Piccolo spiraglio negli ultimi secondi di quarto, quando Battisodo manda a canestro Lisec per il 56-49 del 30’. La play pesarese brilla nella prima parte del quarto conclusivo, riportando le orange sul -4 (58-54), poi manca però il guizzo per impattare nel punteggio a causa di due layup abbastanza semplici falliti da Gruda e Lisec e la Dynamo torna a +8. Il Famila inverte subito la rotta dopo un timeout, trovando di nuovo continuità offensiva con le solite Crippa (da tre) e Harmon, autrice del clamoroso sorpasso sul 62-63 a 2’11”. Finale da batticuore: Kursk torna a +3, Dotto non va a bersaglio e i liberi di Baric sigillano la vittoria russa 70-65. Famila di nuovo in campo domenica a Lucca alle 18. mentre giovedì prossimo arriverà a Schio l’Asvel Lione. •

Martino Parise
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno