07 luglio 2020

Sport

Chiudi

26.01.2020

Famila fermato a Ragusa, espulso Vincent

Un time-out di Pierre Vincent, espulso ieri sera dagli arbitri per proteste. ARCHIVIO/FIBA
Un time-out di Pierre Vincent, espulso ieri sera dagli arbitri per proteste. ARCHIVIO/FIBA

Cade in Sicilia il Famila che perde così anche il primato in campionato, ottenuto la settimana scorsa. Ragusa fa suo anche il secondo confronto di regular season per 74-67 in una partita dalle mille emozioni. Le fatiche dell’Eurolega si sono fatte sentire per uno Schio che ha rincorso le siciliane per tutta la partita e che si è dovuto arrendere ai colpi di classe di Romeo, Soli e alla solidità di un’incontenibile Hamby. A inizio gara Schio attacca con facilità il ferro con Cinili e Dotto mentre Ragusa apre maggiormente il campo sfruttando la sua velocità di manovra da palla recuperata. Recupido schiera contemporaneamente le sue tre lunghe - con Hamby addirittura da ala piccola: tattica vincente perché Gruda segna solo dopo 6’ e poco dopo commette il secondo fallo. Con la francese in panchina e Harmon poco lucida - sofferto il ritorno al PalaMinardi - il Famila si affida alle realizzazioni delle esterne: Dotto e Rodriguez per il 19 pari di fine primo periodo. Vincent adotta addirittura la soluzione del doppio play mentre Andrè regala punti e assist per sbloccare Harmon: 21-23. Schio inizia a litigare con il ferro nel tiro dalla lunga distanza e si fa cogliere impreparato sulle veloci ripartenze siciliane: Hamby è lesta nell’involarsi in contropiede e prendersi il fallo antisportivo di André mentre Consolini poco dopo deposita il 29-26. Le orange gestiscono male il momento di apnea perdendo lucidità nel gioco e Ragusa ringrazia per il massimo vantaggio sul 33-26 al 17’ che matura nel 37-31 di fine primo tempo. Apre la ripresa con due giochi da tre punti il Famila che si riporta subito a -2, salvo poi commettere imperdonabili errori nella gestione della difesa pressing delle biancoverdi; l’unica nota positiva è che dopo solo 3’ la Passalacqua esaurisce già il bonus. Poi succede l’imprevedibile: Vincent protesta animatamente per un fischio a suo giudizio non corretto e viene espulso. Romeo capitalizza l’azione con 6 punti che ricacciano Schio indietro: 47-39. Le orange, però, sono dure a morire e rientrano con Cinili e Gruda. Nelle ultime battute del quarto si scatena inaspettatamente una Consolini che infila nove punti consecutivi: 59-52. Straordinaria la forza di volontà del Famila che piazza un 10-0 in apertura di ultima frazione, effettuando quindi il sorpasso nella gara. Ancora una volta, nel momento migliore delle orange, arriva la tegola dall’alto: Gruda subisce un dubbio fischio in attacco che vale il quarto fallo personale. Recupido si gioca il tutto per tutto rimettendo Hamby e Romeo che confezionano i punti del definitivo controsorpasso. Schio non riesce a sfruttare l’uscita per falli di Hamby al 37’ e si arrende nuovamente a Ragusa per 74-67. Oggi si vola a Istanbul, sponda Fenerbahce. •

Nicolò Dalle Molle
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno