07 luglio 2020

Sport

Chiudi

22.01.2020

Beretta Schio all’esame di riparazione di francese

Francesca Dotto
Francesca Dotto

La prova dominante sul campo dell'Arka Gdynia lo scorso 18 dicembre aveva dato l'impressione che il Beretta Famila avesse finalmente sconfitto il mal di trasferta, ma la gara con l'Asvel di sei giorni fa ha restituito un po' di preoccupazione. Certamente il miglior Schio non è quello visto a Lione e le padrone di casa hanno espresso la loro miglior pallacanestro possibile, però per le vicentine non è sicuramente il miglior modo di presentarsi a Montpellier, quello di portarsi sulle spalle un -37. Sul terreno di gioco del club occitano, infatti, questa sera a partire dalle 20 ci sarà in palio una bella fetta di secondo posto del girone B, almeno per le ragazze di casa, visto che nell'eventualità di una sconfitta le arancioni di coach Vincent si troverebbero con ben due vittorie in meno rispetto alle biancoblu del tecnico belga Petit con appena tre gare rimanenti, compresa quella insidiosissima di martedì prossimo col Fenerbahce. E giungere terzi o quarti, ammesso che ci si arrivi realmente, significherebbe affrontare nel turno successivo una tra Ekaterinburg e Praga, le due squadre a oggi più devastanti al pari proprio delle turche di Zandalasini. Questi calcoli servono comunque soltanto a offrire una panoramica della situazione, dato che le ragazze e lo staff staranno sicuramente mirando molto più intensamente al presente, all'obiettivo di portare a casa un risultato positivo dalla Francia. Evento assolutamente possibile se Rodriguez riuscisse a confermarsi un terminale offensivo letale, come ha potuto dimostrare domenica contro Torino: i suoi 34 punti sono la quarta miglior prova di una orange negli ultimi 18 anni. Dall'altro lato, della sfida con le piemontesi non si può non sottolineare la pessima distribuzione dei punti, visto che appena cinque giocatrici sono andate a segno dal campo e il quartetto Dotto-Chagas-Fassina-Keys ha combinato un deleterio 0/16. La crescita della produzione dell'attacco registrata tra fine dicembre e inizio gennaio è sembrata essersi già interrotta. Ancor più negativi l'aver concesso 61 punti a una formazione che ha ruotato, sì e no, 7 giocatrici, compresa la 16enne Zecchina, e il non essere stati in grado di limitare la 20enne Brcaninovic (di proprietà di Schio, tra l'altro), concedendole 31 punti. Per chiudere con maggiore positività, c'è ricordare nuovamente che il Famila in versione lionese non è quello osservato nel resto della stagione e non c'è ragione per cui pensare a un improvvisa drastica e collettiva involuzione.

Martino Parise
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno