11 dicembre 2019

Sport

Chiudi

23.10.2019

Beretta, è una sfida stellare nella tana del Kursk

L’allenatore Pierre Vincent
L’allenatore Pierre Vincent

Grande giorno per il Famila, quello di oggi: le arancioni sono volate in Russia e alle 18 sarà alzata la palla a due allo Sports Concert Complex, casa della Dynamo Kursk vice-campione d’Europa in carica. Schio arriva dal ko casalingo contro la Passalacqua Ragusa (52-70) che ha dato un’altra prova delle difficoltà offensive che attualmente affliggono la formazione di coach Vincent. In particolare, parla chiaro il dato dei tiri dall’arco: 0/15 nella sfida con le siciliane, 2/15 giovedì scorso con l’Arka Gdynia. Da questo punto di vista, potrà portare un miglioramento non solo una DeShields più concreta rispetto a quella di sei giorni fa e attesa a provare a fare la differenza, ma soprattutto una Cinili e una Crippa più puntuali nel punire dagli angoli e una Battisodo più ordinata nella gestione dei giochi. Sarà interessante osservare il contributo di Keys, attesa probabilmente da alcuni duelli con una grandissima giocatrice come Bonner: la lunga vicentina, nel match contro Gdynia, si è rivelata pronta al livello Eurolega, mandando a bersaglio buone conclusioni, tra cui quella del sorpasso decisivo, e lottando alla pari sotto canestro con le avversarie dirette, ma sarà così anche contro una squadra molto più forte come quella russa? Nel ruolo di ala piccola, nel caso in cui venissero confermati i quintetti usuali, intrigante la sfida Harmon-Xargay: la neozelandese potrebbe risultare una chiave della partita limitando la spagnola, capace di notevoli exploit al tiro (come accaduto più volte durante Eurobasket). Importante sarebbe anche la conferma di Lisec, migliore in campo giovedì scorso e utile in ogni aspetto di gioco: il faccia a faccia con l’esperta Vidmer riserverà alcune insidie, ma l’abilità della slovena nel muoversi dentro e fuori dall’area sarà un bel vantaggio per il Famila. Un ruolo ovviamente fondamentale lo avranno anche Dotto e la sua tipica velocità sulle linee di passaggio e nel pressing sulle portatrici di palla. Infine, occhi puntati su Gruda e Bonner, maestre del reparto lunghe con caratteristiche fisiche simili, ma la francese sarà in grado di seguire la ex Orenburg nelle sue iniziative fuori dal perimetro? I tiri aperti concessi a Papova la scorsa settimana sono stati troppi: ecco quindi che coach Vincent potrebbe scegliere di modificare secondo necessità gli accoppiamenti difensivi. Nettamente a vantaggio delle arancioni sarà invece la lunghezza delle rotazioni, che per Kursk, almeno nelle sfide precedenti, era di soli otto elementi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Martino Parise
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
38
Cartigliano
31
Legnago Salus
30
Mestre
29
Adriese
28
Ambrosiana
28
Feltre
27
Cjarlins Muzane
27
Union Clodiense Chioggia
26
Luparense
25
Delta Rovigo
24
Belluno
24
Chions
22
Este
22
Montebelluna
21
Caldiero
19
Villafranca Vr
14
Tamai
10
Vigasio
10
San Luigi
6
Caldiero - Campodarsego
1-1
Montebelluna - Union Clodiense Chioggia
1-1
Chions - Adriese
1-0
Delta Rovigo - San Luigi
3-1
Este - Cjarlins Muzane
2-3
Legnago Salus - Cartigliano
3-1
Mestre - Luparense
2-1
Tamai - Vigasio
0-1
Feltre - Ambrosiana
0-1
Villafranca Vr - Belluno
0-1