07 aprile 2020

Sport

Chiudi

28.01.2020

Dalla Cina a Los Angeles tutto il mondo piange Kobe

Kobe Bryant con LeBron James, ultimo post su Instagram : un passaggio di consegne fra stelle dell’NBA
Kobe Bryant con LeBron James, ultimo post su Instagram : un passaggio di consegne fra stelle dell’NBA

LOS ANGELES (Stati Uniti) Lo sgomento e il dolore per la morte di Kobe Bryant nello schianto del suo elicottero ieri nel quale sono rimaste vittime anche la figlia tredicenne Gianna (astro nascente del basket femminile) e altre sette persone, provocano un fiume inarrestabile di omaggi. La polizia di Los Angeles annuncia che le indagini saranno lunghe, tra le prime ipotesi c’è quella della nebbia che aveva costretto gli elicotteri della polizia a rimanere a terra. Intanto gli Stati Uniti si commuovono anche per la piccola GiGi, un nome omaggio al passato italiano e un soprannome esplicito per la sua passione sportiva, ’Mambacità. Ma è l’immagine di Kobe quella più vista e pianta, da Los Angeles alla Cina, passando per Reggio Emilia. È un susseguirsi di omaggi al campione, è il mondo intero a piangere «Black Mamba». Testimonianze dal mondo dello sport, ma non solo. Dall’ex presidente Usa Bill Clinton al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, da Cristiano Ronaldo a Tiger Woods, dall’amico Jack Nicholson allo scrittore Paulo Coelho hanno voluto ricordare Bryant, da tutti salutato come «leggenda». Le lacrime di LeBron James al ritorno dalla trasferta di Philadelphia parlano da sole. Le immagini ritraggono il Prescelto col cappuccio della felpa alzato e mentre con la mano si asciuga il viso. Proprio a King James l’ultimo messaggio di Kobe su Twitter, per congratularsi con LeBron che nelle ultime ore lo aveva scavalcato come terzo marcatore di tutti i tempi. «Per me era come un fratello più piccolo, gli ho voluto bene»: così un’altra leggenda del basket, Michael Jordan, ricorda Bryant, dicendosi scioccato per quanto accaduto, e ricordando come Kobe era anche «un padre straordinario» con sua figlia Gianna, morta con lui nell’incidente. Bryant è stato ricordato anche durante la premiazione dei Grammy’s, gli Oscar della musica, allo Staples center, dove Black Mamba ha giocato tante partite con i Los Angeles Lakers mentre i Dallas Mavericks hanno deciso di ritirare la maglia numero 24 in segno di rispetto. A New York una delle fermate della metropolitana è stata rinominata «Kobe Bryant Park». Subito dopo la notizia della morte invece, all’esterno del Madison Square Garden è stato installato un mega schermo in ricordo della star dell’Nba. E Reggio Emilia - dove Bryant ha giocato nelle giovanili - gli intitolerà una piazzetta. «Era uno di noi: qui, e nei campetti della città, improvvisava sfide con atleti più grandi di lui, con i compagni di scuola. Il suo sorriso, il suo amore per il basket ci sono entrati dentro e un pò di Reggio Emilia era entrata per sempre in lui, come ci aveva raccontato qualche anno fa tornando nella nostra città, che lui chiamava ’casà», dice il sindaco Luca Vecchi. «Kobe è stato un vero mito e fonte di ispirazione per molti. Riposa in pace leggenda» scrive Cristiano Ronaldo su Instagram. Tiger Woods si dice «scioccato e triste». «Ricorderò per sempre Kobe, aveva il fuoco dentro e il desiderio di spingere in ogni occasione i compagni al successo. Ha dimostrato di essere un campione in tutte le circostanze della vita. Era un esempio e sarà sempre nel mio cuore». Nick Kyrgios si è presentato sul campo degli Australian Open prima della sfida con Nadal con la maglia dei Lakers numero 8, quella degli inizi di Bryant, mentre la giovanissima Coco Gauff ha scritto sulle sue scarpette rosa «Mamba mentality» a ancora «riposa in pace» con i numeri storici del campione americano, l’8 e il 24. «Quando pensiamo che tutto sia solido, c’è un grosso buco nel muro». Con queste parole in una rara intervista l’attore premio Oscar Jack Nicholson ricorda Bryant del quale era grande fan e soprattutto grande amico. «È stato un evento terribile. L’ho preso in giro la prima volta che ci siamo incontrati. È stato al Madison di New York, gli ho offerto un pallone da basket e gli ho chiesto se voleva che lo autografassi per lui. Mi ha guardato come se fossi pazzo. Ci mancherà». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno