03 aprile 2020

Sport

Chiudi

17.12.2019

Schio sarà capitale del ciclocross Tre giorni di festa per i tricolori

Alcuni studenti impegnati nella creazione del logo. La vincitrice è Giada Casarotto, seconda da sx. C. F.Il ciclocross (con De Pretto nella foto) è una disciplina  spettacolareUn momento della conferenza stampa tenutasi ieri mattina nella sala Calendoli del teatro civico di Schio
Alcuni studenti impegnati nella creazione del logo. La vincitrice è Giada Casarotto, seconda da sx. C. F.Il ciclocross (con De Pretto nella foto) è una disciplina spettacolareUn momento della conferenza stampa tenutasi ieri mattina nella sala Calendoli del teatro civico di Schio

Schio capitale del ciclocross. Dal 10 al 12 gennaio la città ospiterà i campionati italiani di ciclocross, all’interno del 10° ciclocross Città di Schio – Trofeo Sartore. Organizzato dal gruppo sportivo Schio Bike presieduto da Edoardo Sandri, in collaborazione con la Federazione Ciclistica Italiana, il Coni, l’amministrazione comunale che ne dà il patrocinio insieme alla regione, e gli sponsor, l’evento introdurrà la nuova stagione agonistica in Italia e assegnerà le prime maglie tricolori del nuovo anno. Saranno oltre tremila le presenze previste nella tre giorni di gare tra atleti, società, addetti ai lavori e i tanti appassionati. Giovani, élite e master. Tre le categorie pronte a sfidarsi nel percorso di 2800 metri previsto nell’area Campagnola di via dell’Industria, vicino al centro natatorio e al palasport “Livio Romare”, presentato ieri in occasione della conferenza stampa tenutasi nella sala Calendoli del teatro civico. «Sarà prevalentemente in fuoristrada con brevi tratti sull’asfalto – spiega Sandri di Schio Bike –. Ci saranno ostacoli naturali: tratti in sabbia, scalinate, assi in legno, cumuli di terra. La tracciatura è iniziata in questi giorni». «Il ciclocross è una delle specialità ciclistiche più vecchie – si unisce Paolo Garniga, presidente commissione fuoristrada Fci, accanto a Luigi Comacchio (presidente comitato provinciale Fci Vicenza) e Devis Tosin (consigliere provinciale e presidente commissione fuoristrada Veneto) –. Schio Bike è diventata un punto di riferimento a livello nazionale e internazionale. Il settore fuoristrada ha preso sempre più spazio perché permette la componente ludica: i giovani si divertono, cadono nel fango». Una città, perciò, coinvolta a 360 gradi. A partire dalle strutture. Oltre al campo gara, tra la piscina comunale, il palasport e lo Schio Hotel saranno allestiti spogliatoi, locali antidoping, servizi segreteria e ufficio stampa, sale riunioni, punti ristoro e zone parcheggio. Il tutto presidiato da centinaia di volontari delle associazioni locali. Non manca la collaborazione con le scuole coinvolte anche nel concorso indetto per la creazione del logo della manifestazione. Una quarantina gli elaborati presentati dalle classi seconde del liceo artistico Martini guidate dalla professoressa Losavio: ad aver vinto Giada Casarotto che, oltre ad una borsa di studio, ha l’onore di vedere il proprio disegno come immagine ufficiale dei campionati. «Questo è un momento che arriva dopo un percorso molto importante che vede Schio candidata a città europea dello sport 2022 – conclude Aldo Munarini, assessore allo sport –. Obiettivo che fin da subito ci siamo posti per riconoscere il patrimonio di associazioni sportive del territorio. Stiamo lavorando anche ad un progetto legato alla riqualificazione dello stadio di via Riboli per gli atleti paralimpici divulgando lo sport per tutti». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiara Ferrante
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno