08 dicembre 2019

Sport

Chiudi

18.05.2019

Bilbao fa festa a L’Aquila Formolo vende cara la pelle

Pello Bilbao dell’Astana sul traguardo
Pello Bilbao dell’Astana sul traguardo

Pello Bilbao, spagnolo dell’Astana, 29 anni, al nono anno tra i prof, sette vittorie in carriera, conquista il più importante successo sul traguardo di L’Aquila. Spegne il sogno di un generosissimo Davide Formolo (Bora Hansgrohe), che un paio di volte ha tentato l’assolo nel finale, il più attivo nel tamponare un pericoloso allungo di Rojas, probabilmente in fase di recupero quando Bilbao è scattato sulla destra della strada. Il veronese spiega: «A quel punto, aspettavo che qualcuno altro si mettesse all’inseguimento». Così, ha provato di tutto lui per l’aggancio, «andando su con la mia progressione», ma arriva 3°, preceduto nello sprint dal francese Gallopin. Bilbao, 6° nella classifica finale del Giro d’Italia 2018, del resto aveva «battezzato in Formolo l’avversario più pericoloso. «Per questo», spiega, «ho aspettato il momento giusto, ho ricevuto il consiglio del mio direttore sportivo sono partito. L’ultimo chilometro, per me, è stato davvero… lungo, ma ai 500 metri ho capito di avere ancora le gambe buone per arrivare. Sì, diciamo che ho calcolato tutto alla perfezione». Formolo, dal canto suo, può consolarsi con quel minutino guadagnato sui big che gli fa fare un bel salto in classifica, dove ora è 13° con lo stesso tempo dell’ex maglia rosa Roglic, il primo dei big, un secondo dopo Bilbao. E, attenzione, per la classifica, proprio a Bilbao che dice: «Di solito, per me la prima settimana del Giro è la più difficile. Di solito, lavoro per i miei compagni, ma ho avuto questa bella opportunità e l’ho sfruttata al meglio. È difficile descrivere le mie sensazioni: da tempo inseguivo una vittoria di tappa al Giro». Formolo, comunque, determinante nel tirar fuori la fuga risultata decisiva, si merita i complimenti del c.t. Cassani: «Il 2° posto alla Liegi ha dato maggiore sicurezza a Davide, che mi è piaciuto perché, in questa tappa, non ha avuto paura e ha attaccato, innescando l’azione che ha portato alla vittoria di Bilbao ed al suo terzo posto. Tra l’altro, per 32 chilometri ha, praticamente, tirato sempre lui». In maglia rosa a Terracina, Valerio Conti aveva come obiettivo «andare in fuga ancora per incrementare, possibilmente, il vantaggio sui big della classifica generale. «Ma», racconta, «con l’inizio in pianura, si è pedalato a 49 all’ora la prima ora di corsa ed era molto difficile dare vita ad una fuga». Poi, quando i fuggitivi erano ormai imprendibili, sulla penultima salita ha, persino, provato a staccare il gruppo per guadagnare qualche secondo, inutilmente. «La tappa è stata più difficile del previsto e ci voleva una buona gamba, mentre io ero piuttosto stanco dopo la tappa di Terracina. Continuavo a dirmi: “dai Vale, sei forte, devi tenere duro”. L’ho fatto e, nel finale, mi sembrava che la situazione stesse degenerando e ho provato quell’allungo. Il mio ringraziamento va ai miei compagni: l’UAE non è stata una squadra, ma una famiglia». Oggi, da Tortoreto a Pesaro, c’è la tappa più lunga del Giro, 239 km, dei quali i primi 140 pianeggianti, il resto ondulati e sino all’arrivo con diverse salite. Il finale è sul monte di Gabicce con discesa finale a 3 km dall’arrivo. •

Renzo Puliero
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
37
Cartigliano
31
Adriese
28
Feltre
27
Legnago Salus
27
Mestre
26
Luparense
25
Ambrosiana
25
Union Clodiense Chioggia
25
Cjarlins Muzane
24
Este
22
Belluno
21
Delta Rovigo
21
Montebelluna
20
Chions
19
Caldiero
18
Villafranca Vr
14
Tamai
10
Vigasio
7
San Luigi
6
Adriese - Cartigliano
3-1
Ambrosiana - Mestre
3-0
Belluno - Chions
4-1
Campodarsego - Legnago Salus
3-0
Cjarlins Muzane - Montebelluna
1-2
Luparense - Caldiero
2-1
San Luigi - Feltre
0-7
Tamai - Este
2-0
Union Clodiense Chioggia - Villafranca Vr
2-2
Vigasio - Delta Rovigo
1-3