25 maggio 2019

Sport

Chiudi

15.04.2019

Un ruggito e due pali, l’Arzi resta in vetta

I giocatori dell’Arzignano lasciano il campo con il sorriso e si tengono stretti tre punti che valgono oro. Sotto Antoniazzi, autore di una gran prova. FOTOSERVIZIO GOBETTI
I giocatori dell’Arzignano lasciano il campo con il sorriso e si tengono stretti tre punti che valgono oro. Sotto Antoniazzi, autore di una gran prova. FOTOSERVIZIO GOBETTI

Stefano Gobetti ARZIGNANO La Virtus Bolzano vende cara la pelle ma da queste parti la pelle sanno come trattarla e farla fruttare. Vittoria doveva essere e vittoria è stata, sofferta perché l’Arzignano non è riuscito a sigillare il 2-0 che avrebbe meritato e nella ripresa ha patito l’iniziativa dei bolzanini. L’unico vero brivido è arrivato dall’auto-traversa di Ferri ed è andata bene così. Anche perché sarebbe stata una beffa per il centrale bergamasco, autore di un’altra prova maiuscola e in credito con la sorte per il palo colpito dopo 5’. L’altro lo ha preso Pllumbaj ad inizio ripresa. Per l’Arzi è stata la vittoria del cuore, con la rosa ridotta all’osso per squalifiche (Maldonado) e infortuni (Fracaro e nel corso della gara Valenti) che hanno costretto i giallocelesti a stringere i denti dando una splendida risposta di carattere. L’inizio dell’Arzi è convinto: fallo di Kiem su Pllumbaj poco fuori area, punizione e la gran botta di Ferri rimbalza sul palo (5’). Burato si cala benissimo nella parte del vice-Maldonado e ci prova al volo da fuori, sfera a lato (24’). Passano 2’ e Burato imbecca magistralmente Odogwu in profondità, il re leone piomba sulla palla ed esplode una bomba sotto la traversa che non dà scampo a Weiss. Per lui è il gol numero 13, il quinto di fila a certificarne lo stato di grazia. La Virtus si fa vedere con un fendente di Bacher bloccato da Tosi (36’) e poi da angolo Ferri incorna a mezza altezza e Weiss respinge d’istinto (38’). A tempo finito i giallocelesti si distendono con l’azione Hoxha-Pllumbaj-Antoniazzi ma il chiampese è anticipato al limite (45’) e poi il rasoterra di Valenti non è preciso (47’). Nella ripresa l’Arzi potrebbe andare subito al raddoppio e sarebbe stata un’altra gara. Palla al limite per Pllumbaj che entra in area e disegna un destro a giro che sbatte sul legno dopo 43’’. Al 9’ l’incontenibile Odogwu sfonda in area ma l’assist per Pllumbaj è un pelo lungo. Al 12’ deve uscire Valenti toccato duro da Davi nel primo tempo, l’Arzi esaurisce la sua spinta offensiva. Al 17’ Bounou scodella un pallone insidioso in area, Ferri lo incorna all’indietro e la palla sbatte sull’asta. Poi sempre Bounou scarica un mancino basso dal limite che fa la barba al palo (21’). L’Arzi soffre e si affida al lancio lungo per Odogwu in contropiede, specie dal 25’ quando di Donato toglie Pllumbaj e sistema i suoi con un 4-4-1-1 e Forte ad assistere il re leone. Il quale al 29’ fa a sportellate con Rizzon che lo tira vistosamente per la maglia e lo fa cadere in area ma l’arbitro lascia andare. La Virtus tiene il pallino del gioco ma la difesa gialloceleste fa buona guardia, tanto che è l’Arzi ad andare più vicino al raddoppio. Odogwu è protagonista del tirato finale, o in veste di assist-man o di finalizzatore. Il puntero serve Antoniazzi ben piazzato al limite ma un avversario lo chiude (32’), poi lanciato da Burato arriva stanchissimo in area e s’incarta (36’). Il re leone però è sempre sul pezzo con un tiro dal limite che non becca la porta (37’) e un tocco ravvicinato ribattuto da Weiss dopo una poderosa accelerazione dalla trequarti (39’). Più di così l’Arzi di oggi non poteva fare. Contava solo vincere per sognare. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stefano Gobetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
73
U. Triestina
67
Imolese
62
Feralpi Salò
62
Monza
60
Sudtirol
55
Ravenna
55
L.r. Vicenza Virtus
51
Sambenedettese
50
Fermana
47
Ternana
44
Gubbio
44
Albinoleffe
43
Teramo
43
Vis Pesaro
42
Giana Erminio
42
Renate
39
Rimini
39
Virtus Verona
38
Fano A.j.
38
Albinoleffe - L.r. Vicenza Virtus
0-1
Fano A.j. - U. Triestina
1-0
Feralpi Salò - Pordenone
2-2
Fermana - Sambenedettese
1-3
Giana Erminio - Vis Pesaro
3-3
Gubbio - Virtus Verona
1-0
Ravenna - Imolese
3-3
Rimini - Renate
0-0
Sudtirol - Monza
0-3
Teramo - Ternana
0-0