06 agosto 2020

Sport

Chiudi

04.10.2019

Segna più di Marotta ma è una mezzala Ecco Chiarello-gol

Riccardo Chiarello ai tempi della militanza con il Real Vicenza
Riccardo Chiarello ai tempi della militanza con il Real Vicenza

Se c’è un Arzignano col mal di gol nel girone B, c’è uno che viene dalla città del Grifo che gode di ottima salute nel girone A. Sempre di serie C si parla, col denominatore comune del gialloceleste visto che Riccardo Chiarello la maglia della sua città l’ha vestita da protagonista nell’annata 2015/16 (titolare fisso e 11 reti) e quello è stato il suo trampolino di lancio per ritornare tra i pro, dopo la prima esperienza al Real Vicenza, e restarci. 26 anni da compiere tra pochi giorni, centrocampista duttile che può fare la mezzala o l’esterno, di Chiarello colpisce la capacità di attaccare gli spazi per inserirsi in area e battere a rete con precisione o potenza a seconda delle necessità. Insomma, uno che si fa trovare al posto giusto nel momento giusto e che segna con la freddezza del consumato centravanti. Dopo Arzignano, Riccardo si è preso il posto fisso alla Giana Erminio di Gorzonzola, dove con l’irrinunciabile 4 sulle spalle ha collezionato 87 presenze e 14 gol in due campionati e mezzo. Un’esperienza nella quale è cresciuto tanto sia come giocatore che come uomo. Tanto da sentirsi pronto, nel gennaio scorso, per fare il primo salto importante della sua carriera andando a vestire la maglia dell’Alessandria (dove quest’anno è suo compagno l’ex portiere del Lane Valentini), una piazza che aspetta di ritornare in B dal 1975 e ogni anno ci riprova. A marzo, dopo un ottimo inizio con i grigi, uno sfortunato infortunio (lesione all’adduttore) gli ha fatto finire anzitempo la stagione ma quest’anno Riccardo ha voluto recuperare il tempo perduto partendo a razzo. In sette gare ha timbrato 4 gol, come il suo numero di maglia. E uno più di Alessandro Marotta, capocannoniere del Vicenza. La sua ultima doppietta al Lecco (la prima con la nuova casacca, alla Giana ne aveva messe a segno tre) gli è valsa i titoloni sui giornali nazionali mentre l’Alessandria tallona ad un solo punto il Monza dei marziani. Nel 2017 Riccardo ha preso parte alle Universiadi di Taipei con Loris Zonta, segnando pure a quelle latitudini per non perdere le buone abitudini, e l’anno scorso si è laureato con 110 e lode in Scienze Motorie. Tanto per non essere da meno del fratello più grande Andrea, anch’egli laureato con il massimo dei voti in Studi Europei e Politiche dell’Unione europea, che ne segue le gesta con passione anche da Bruxelles dove lavora. Ad Arzignano rimangono papà Massimo e mamma Daniela, curiosi di scoprire fin dove potranno arrivare i loro ragazzi. E intanto l’Alessandria è attesa dalla sfida casalinga con il Pontedera: un’occasione che Chiarello potrebbe sfruttare per incrementare il suo bottino. •

Stefano Gobetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno