20 maggio 2019

Sport

Chiudi

25.04.2019

Punta con la pummarola in... Coppo Il Montecchio Precalcino a tavola

Un  gol  segnato quest’anno da Coppone col Montecchio PrecalcinoUna simpatica espressione di Ivan Coppone quando era pizzaiolo
Un gol segnato quest’anno da Coppone col Montecchio PrecalcinoUna simpatica espressione di Ivan Coppone quando era pizzaiolo

È cresciuto nelle giovanili del Thiene e il suo cognome tradisce le origini pugliesi: «Sono nato a Marostica per caso ma tutti i miei parenti sono in Puglia». Da qui si capisce la passione per la pizza: per otto anni Ivan Coppone, punta del Montecchio Precalcino - ancora invischiato nella lotta salvezza - ha svolto un doppio lavoro: insegnante di meccanica di giorno, pizzaiolo la sera: «L’ho fatto perché con un lavoro precario non volevo avere una rata del mutuo troppo alta, insomma l’ho fatto per tirar su mattone». Del resto con un soprannome (“Coppo”) che in Veneto suona molto da laterizio, non poteva essere diversamente. Tanti sacrifici, per lui, fino allo scorso anno: «Sono entrato di ruolo al Garbin a Thiene e non potevo avere due lavori, quindi ho dovuto mollare. Anche se mi manca molto quell’ambiente». Pizza rigorosamente alta, con molta pasta «diversamente come si usa qui dove è sottile e con molto ingrediente» è la ricetta consigliata dal masterchef della Margherita. Ma sul campo comunque, a prendere le pizze sono gli avversari visto che la gamba, pur non essendo un colosso, non la leva mai. Prima punta atipica, molto tecnica e rapida, è specializzato più in assist che in gol personali. Col Thiene ha visto la Serie D poi la Promozione a Marano e tanta Prima e Seconda categoria anche per via del doppio lavoro. A scuola poi si è creata una situazione particolare visto che alcuni dei suoi alunni sono avversari in varie squadre dell’Altovicentino nel girone C della Prima categoria: «A loro dico prima della gara: guardate che se mi battete vi boccio male, poi in campo volano “mazzate” - dice ridendo -. Ovviamente è uno scherzo ma è una situazione strana che migliora i rapporti tra noi: in classe ovviamente bisogna avere un certo riguardo, in campo invece... ma è bello così. A volte vengono a vedere le mie partite e il lunedì scattano pagelle e commenti tecnici». A scuola poi per tutti è l’“intramontabile” o il “trascinatore”: «Colpa di voi giornalisti - dice sempre ridendo - dopo un titolo sul Gdv, per un mio gol, sono diventato “intramontabile”... poi in una pagella mi avete definito “trascinatore“. È stata la mia condanna...» dice sempre col sorriso. E a scuola come ci va? «Ovviamente in moto, una passione scoppiata dopo i 30: ho preso la moto prima della patente e la uso anche d’inverno. Amo la mia TDM del ’96». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Federico Ballardin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
73
U. Triestina
67
Imolese
62
Feralpi Salò
62
Monza
60
Sudtirol
55
Ravenna
55
L.r. Vicenza Virtus
51
Sambenedettese
50
Fermana
47
Ternana
44
Gubbio
44
Albinoleffe
43
Teramo
43
Vis Pesaro
42
Giana Erminio
42
Renate
39
Rimini
39
Virtus Verona
38
Fano A.j.
38
Albinoleffe - L.r. Vicenza Virtus
0-1
Fano A.j. - U. Triestina
1-0
Feralpi Salò - Pordenone
2-2
Fermana - Sambenedettese
1-3
Giana Erminio - Vis Pesaro
3-3
Gubbio - Virtus Verona
1-0
Ravenna - Imolese
3-3
Rimini - Renate
0-0
Sudtirol - Monza
0-3
Teramo - Ternana
0-0