22 settembre 2019

Sport

Chiudi

06.05.2019

Lovisetto, un regalo chiamato Seconda

Riccardo Lovisetto con la sciarpa del suo Sossano
Riccardo Lovisetto con la sciarpa del suo Sossano

“Lo dovevamo alla società”. Queste le parole di Riccardo Lovisetto, capitano del Sossano fresco di promozione in Seconda categoria e in piena lotta, dall’alto dei suoi quasi 54 mila punti totalizzati che al momento valgono la quarta piazza in classifica generale, nel Pallone di Bronzo. Ma andiamo con ordine e partiamo ovviamente dalle emozioni provate grazie al ritorno in Seconda categoria da colui che da 6 anni veste i gradi di capitano del club bassovicentino. «Nelle ultime due malandate e stagioni avevamo fatto il doppio salto all’indietro, la delusione e l’amarezza era dunque tantissima in tutti noi visto che a Sossano si sta davvero bene e lo staff dirigenziale ti fa sentire come un principe; smaltite le inevitabili tossine, in estate ci siamo ritrovati tra compagni e dopo un’attenta riflessione abbiamo deciso di rimetterci in gioco con l’obbiettivo di provare a ripartire: non potevamo infatti lasciare in quel modo». E così dopo la doppia tempesta in casa Sossano sembra essere tornato il sereno. «Vincere il campionato –spiega il 28enne metronomo- è stato bellissimo, s’è festeggiato con i tifosi fino a notte inoltrata anche con fumogeni e fuochi d’artificio: di sicuro le emozioni provate non le scorderemo tanto facilmente per tutta la vita». Un riscatto arrivato sì grazie al lavoro ma pure al rispetto di alcuni riti propiziatori i quali visti i risultati sembrano aver portato davvero bene. «Come squadra prima di ogni gara ci trovavamo sempre nel solito bar, le trasferte le abbiamo affrontate viaggiando categoricamente nel medesimo furgoncino e nello stesso posto e ovviamente immancabile era la tuta da rappresentanza». Spirito laziale («non so bene il motivo –spiega Lovisetto- ma sono sempre stato sfegatato per i colori biancocelesti») il Veron –idolo al quale s’è in passato ispirato- del bassovicentino punta ora anche a scalare la classifica nell’iniziativa promossa dal GdV. «Non sarà di certo facile ma sarebbe fantastico chiudere l’annata con la “doppietta”: l’idea del Giornale è stata davvero encomiabile e non pensavo assolutamente di poter avere tutto questo seguito anche se molto lo devo a mio nonno Giorgio che si sta prodigando davvero tanto e oltre a tutti i miei compagni di squadra e a Michael Graser: se dovessi spuntarla ho già detto loro che pagherò una grigliata per tutti». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cartigliano
10
Ambrosiana
9
Union Clodiense Chioggia
8
Legnago Salus
8
Luparense
6
Campodarsego
6
Adriese
6
Feltre
6
Vigasio
6
Caldiero
6
Cjarlins Muzane
6
Belluno
5
Delta Rovigo
5
Montebelluna
4
Chions
4
Villafranca Vr
4
Mestre
2
Este
2
Tamai
2
San Luigi
1
Adriese - Tamai
Belluno - Cjarlins Muzane
Caldiero - Montebelluna
Campodarsego - San Luigi
Cartigliano - Delta Rovigo
Chions - Feltre
2-3
Legnago Salus - Este
Luparense - Ambrosiana
Union Clodiense Chioggia - Vigasio
Villafranca Vr - Mestre