18 aprile 2019

Sport

Chiudi

03.02.2019

Lo Schio ha il cecchino È bum-bum Munarini

L’attaccante Luca Munarini
L’attaccante Luca Munarini

A Schio per risorgere. Stiamo parlando dell’attaccante Luca Munarini che dopo svariati anni passati a calcare i palcoscenici della Serie C e C2 (con le casacche di Castiglione, Bassano e Savona) e della D (esperienze maturate a Legnago, Este, Abano e Montebelluna dove nella passata stagione ha siglato sei reti), nella scorsa estate ha deciso di sposare l’ambizioso progetto del club giallorosso e di cercare il riscatto dopo un’annata non particolarmente fortunata. E visti i numeri fin qui collezionati, non si può dire che la scelta non sia stata azzeccata visto che finora Munarini ha siglato la bellezza di 18 reti (4 in Coppa Veneto) e sta avendo una media alquanto importante: prese le misure con la nuova realtà, infatti, nelle ultime otto uscite ha lasciato il segno in sette occasioni non andando a bersaglio solo nella rocambolesca sconfitta subita per mano dei cugini del Cornedo. Quale può essere, in definitiva, il bilancio? «Decidere di scendere di due categorie non è stato facile anzi, si è trattato anche di una scelta di vita perché nel mio recente passato giocavo solo a pallone allenandomi al pomeriggio mentre ora si lavora e ci si allena di sera. Non la vedo assolutamente come un ridimensionamento bensì come un possibile trampolino di lancio per nuove sfide in quanto sono comunque approdato in una società ambiziosa e che in fondo è quella della mia città: non nascondo che prima di dire “sì” ci ho pensato a lungo ma alla fine sentivo che dentro di me volevo fare questa scelta e sono davvero contento di averla fatta visto che il progetto della società è a lungo termine e importante». Munarini-Schio, un binomio indissolubile e che si ripete visto che il papà di Luca (Aldo, attuale assessore allo sport del comune scledense) ha giocato a lungo con la casacca giallorossa oltre ad aver allenato i giovani portieri. «Papà ha sempre preteso molto, voleva sempre di più da me e quando ero più giovane magari mi arrabbiavo per questo: con il tempo ho invece capito che lo faceva per me, grazie a lui sono potuto crescere e comunque ancora adesso quando trova del tempo per venirmi a vedere mi dispensa qualche utile consiglio». L’attaccante venticinquenne che dice di essersi ispirato per qualche tempo anche a Ibrahimovic e che come hobby ama guardare i film, parlando dei suoi obbiettivi spiega: «La mia speranza è quella di poter continuare su questa strada, se possibile fare anche meglio risultando dunque utile alla causa e alla squadra –va ricordato che oggi lo Schio se la vedrà contro il sempre ostico Rosà-: se finora sono riuscito ad andare a bersaglio spesso il merito è anche di tutti i miei compagni». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
68
U. Triestina
61
Feralpi Salò
58
Imolese
57
Sudtirol
55
Monza
54
Ravenna
53
Fermana
46
L.r. Vicenza Virtus
44
Sambenedettese
44
Vis Pesaro
40
Giana Erminio
40
Gubbio
40
Ternana
39
Teramo
39
Albinoleffe
37
Virtus Verona
37
Renate
35
Fano A.j.
34
Rimini
34
Imolese - Feralpi Salò
3-1
L.r. Vicenza Virtus - Gubbio
2-2
Monza - Rimini
3-0
Pordenone - Teramo
4-0
Renate - Giana Erminio
0-2
Sambenedettese - Albinoleffe
3-0
Ternana - Sudtirol
1-1
U. Triestina - Fermana
3-0
Virtus Verona - Ravenna
1-2
Vis Pesaro - Fano A.j.
1-0