27 giugno 2019

Sport

Chiudi

25.05.2019

Che spettacolo !

C’è chi dice che il calcio dilettante sia in discesa, con un “appeal” in calo rispetto ad altri sport emergenti. Poi, in epoca di continue fusioni, difficoltà economiche, dirigenti in calo e via dicendo, guardi i numeri e tutto va a posto. È il presidente veneto della Figc, Giuseppe Ruzza, a riportare questo sport nei giusti binari: «Paolo, dame i numeri completi» dice con quel tono da padre di famiglia che tanto piace alle società venete che lo hanno votato per l’ennesimo mandato della sua lunga carriera di dirigente. Ed eccoli i numeri: tesserati 2019 della Lnd sono 34.500 contro i 33.982 del 2018. «Guardi, non ci avevo neanche fatto caso che quest’anno avevamo incrementato i tesseramenti di più di 500 atleti, una lieta sorpresa. Ma è soltanto una conferma della salute del calcio Veneto. Siamo il secondo Comitato per numero di iscritti e parlo anche di dirigenti ed allenatori. Il bilancio chiuso da poco è stato anche quello una bella sorpresa: un risultato ben oltre le più rosee aspettative. Questo sarà un vantaggio per tutte le società della regione». Appeal in calo? Falso, se si guarda al settore giovanile i dati dicono che c’è addirittura un boom: 74.369 iscritti contro i 71.239 del 2018. Ma ci sono anche le note dolenti, come la moria di società che, tra rinunce e, soprattutto, fusioni, sta facendo sparire un pezzetto alla volta la storia del calcio dilettantistico nel territorio. Anche quest’anno ci saranno unioni di varie società che ridurranno il numero di team. «È un problema che non va sottovalutato - spiega Ruzza - anche perché dal punto di vista economico le uniche risorse certe del Comitato sono proprio le iscrizioni. Ma più che un problema economico vi sono altre ragioni alla base del calo. Una di queste è la mancanza di dirigenti che diano una mano, proprio dal punto di vista operativo. È una questione culturale. Una volta - ad esempio - i genitori magari si innamoravano di una società e, quando il figlio cambiava casacca o smetteva, rimanevano a dare una mano. Oggi non accade più e anzi, spesso i genitori mettono anche bocca sul lavoro dei volontari - che mettono il loro tempo libero a disposizione gratuitamente - cui invece dovrebbero fare un monumento. A chi parla tanto ho sempre preferito chi fa tanto...». Problema noto, di difficile soluzione anche perché la Federazione sul tema specifico, più che organizzare dei corsi formativi, non è che abbia molte frecce al suo arco. «Quello che mi fa ben sperare è il clima di collaborazione che si è creato tra società e Comitato, nonostante gran parte delle operazioni pratiche ormai si faccia online e quindi venga un po’ meno quel rapporto diretto che c’era qualche anno fa - dice Ruzza con un pizzico di rammarico - ma non importa, viaggio spesso per incontrare le società venete. Ah, visto che le risorse del Comitato sono di tutte le società ci tenevo a dire che, unico in italia, il Crv ha diminuito i rimborsi chilometrici. Questo vale anche per il presidente...». •

Federico Ballardin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
73
U. Triestina
67
Imolese
62
Feralpi Salò
62
Monza
60
Sudtirol
55
Ravenna
55
L.r. Vicenza Virtus
51
Sambenedettese
50
Fermana
47
Ternana
44
Gubbio
44
Albinoleffe
43
Teramo
43
Vis Pesaro
42
Giana Erminio
42
Renate
39
Rimini
39
Virtus Verona
38
Fano A.j.
38
Albinoleffe - L.r. Vicenza Virtus
0-1
Fano A.j. - U. Triestina
1-0
Feralpi Salò - Pordenone
2-2
Fermana - Sambenedettese
1-3
Giana Erminio - Vis Pesaro
3-3
Gubbio - Virtus Verona
1-0
Ravenna - Imolese
3-3
Rimini - Renate
0-0
Sudtirol - Monza
0-3
Teramo - Ternana
0-0