22 ottobre 2019

Sport

Chiudi

02.04.2019

Baù, sete infinita di pallone «Un gioco diventato lavoro»

Eder Baù con i due figli, il bomber è il candidato dell’Union LcEder Baù quando giocava nello  Spezia in una gara contro il Vicenza
Eder Baù con i due figli, il bomber è il candidato dell’Union LcEder Baù quando giocava nello Spezia in una gara contro il Vicenza

«Fin da bambino ho sempre avuto il pallone tra i piedi». Eder Baù, grazie ai suoi 31 gol in campionato su 18 presenze, (ai quali vanno aggiunti i 2 di Coppa) di cui due realizzati solo nell’ultima gara contro il Campolongo sta permettendo all’Union Lc –Terza categoria- di cullare ancora il sogno promozione. Dopo aver segnato a raffica con la casacca dello Stoccareddo nelle ultime stagioni, anche se gli anni passano, il cannoniere scuola Milan sta dimostrando tutto il suo talento e l’innato fiuto del gol grazie al quale sta anche scalando la classifica de “Il Pallone di Bronzo”. Oltre a militare nello scacchiere di Maino allena le giovani leve dell’Union Lc e per non farsi mancare nulla gioca anche in una squadra di calcio a 5 Aics. «Fin da quando ero giovane mi sono sempre divertito tantissimo a giocare e lo facevo in qualunque momento; l’ho sempre vissuto come un divertimento, una passione che poi s’è trasformata in lavoro. Da un po' di tempo a questa parte ho pure iniziato a fare il tecnico delle giovanili e attualmente sto allenando i miei due figli Amedeo e Achille: il primo gioca prevalentemente in porta, il secondo invece è un bomberino anche se- dice in tono scherzoso Baù- di polenta da mangiare per eguagliare papà ne ha ancora tanta». Parlando invece della sua esperienza nel mondo del calcio a 5 Baù afferma: «Il calcetto è un mondo assai differente; per un motivo o per l’altro sono in campo praticamente tutti i giorni e per questo devo solo ringraziare mia moglie Alessia che sopporta questa mia passione che è anche una valvola di sfogo». E pensare che quest’anno il centravanti ad un certo punto aveva anche pensato di smettere. «Durante una gara di campionato sono stato offeso da alcuni tifosi avversari che non contenti hanno fatto lo stesso con mia moglie oltre ad averla spinta alla presenza dei miei figli. Sono sempre stato abituato a sopportare le offese, gli insulti ma quell’episodio mi ha fatto davvero riflettere anche perché gioco per diletto: colgo l’occasione per ringraziare tutti i componenti della squadra avversaria e gli stessi dirigenti che oltre ad avermi fatto sentire la vicinanza in campo il giorno successivo mi hanno anche chiamato dimostrando grande correttezza, fair play e sensibilità». L’attaccante che come tutti ricorderanno giocato a lungo nelle giovanili del Milan esordendo addirittura in Champions League nella gara contro la Dinamo Kiev e che vanta una parentesi di buon livello tra i professionisti, dice di non avere rimpianti per quello che poteva essere e che invece non è stato. «Sinceramente non ho alcun rammarico per la mia carriera anche se certamente qualche episodio l’ha segnata: mi riferisco all’infortunio quando giocavo a Trieste subìto con il Catania quando ero in profumo di convocazione con l’Under 21 o all’impossibilità di raggiungere il tecnico Delio Rossi, un allenatore con il quale mi sono trovato benissimo, a Torino quando militavo a Padova o di raggiungerlo in A a Treviso. Sono sempre stato abituato a pensare in positivo e quindi posso solo dire di essere stato fortunatissimo a far realizzare un sogno anche grazie ai sacrifici fatti dai miei genitori che non finirò mai di ringraziare». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cartigliano
20
Campodarsego
19
Adriese
18
Caldiero
17
Luparense
16
Union Clodiense Chioggia
14
Ambrosiana
13
Este
13
Legnago Salus
13
Cjarlins Muzane
13
Belluno
12
Chions
11
Mestre
11
Feltre
11
Delta Rovigo
10
Vigasio
10
Villafranca Vr
9
Montebelluna
6
Tamai
3
San Luigi
1
Adriese - Union Clodiense Chioggia
2-0
Belluno - Vigasio
2-0
Caldiero - Tamai
1-0
Montebelluna - Feltre
1-1
Campodarsego - Luparense
3-2
Cartigliano - Ambrosiana
2-1
Chions - San Luigi
3-1
Legnago Salus - Cjarlins Muzane
2-2
Mestre - Este
0-2
Villafranca Vr - Delta Rovigo
1-1

Rugby