22 agosto 2019

Sport

Chiudi

06.08.2019

Arzignano al centro sceglie Casini come metronomo

  Riccardo Casini è cresciuto nel settore giovanile del Bologna
Riccardo Casini è cresciuto nel settore giovanile del Bologna

Arzignano, “Casini” risolti a centrocampo. La squadra è impegnata a sudare e faticare nel ritiro precampionato che ovviamente prevede la partecipazione a diversi test amichevoli (l’ultimo praticamente 48 ore fa contro il Levico terminato con il risultato di 2-2 che è venuto dopo quello sostenuto sabato con la partita in famiglia contro la Beretti allenata da Marchioro chiusa con un perentorio 4-0 griffato dalla tripletta di Pattarello e dal gol di Anastasia). Si tratta di appuntamenti utili a trovare i gusti equilibri tra i reparti e il feeling tra gli alfieri giallocelesti. Ma non si ferma assolutamente il mercato. Su tal argomento, è risaputo da tempo infatti che il club arzignanese sta monitorando molto attentamente il panorama ed è alla ricerca di almeno altri tre calciatori: un tassello da piazzare in difesa –non più tardi di venerdì è approdato anche il baby classe 2000 Giorgio Bozzato nato a Padova, cresciuto calcisticamente nei settori giovanili di Vicenza e Cittadella dove nell’ultima stagione ha giocato con la Primavera amaranto- e due elementi per la mediana necessari per completare al meglio la rosa che mister Colombo sta plasmando giorno dopo giorno secondo la sua filosofia e che esordirà in campionato il 25 agosto in casa al Menti contro il Piacenza. E proprio parlando del centrocampo, si sentono sempre con maggior insistenza le sirene che vorrebbero l’Arzignano fortemente interessato a Riccardo Casini, 27 anni; al momento stiamo parlando di semplici indiscrezioni anche se non è sbagliato dire che l’operazione è già a buon punto, tanto che le parti starebbero mettendo a punto gli ultimi dettagli. Sarebbe dunque il metronomo nato a Ferrara il 2 febbraio 1992 il tanto atteso uomo d’ordine e al contempo d’esperienza che il trio Serafini-Chilese-Togni stanno cercando. Dati alla mano si tratterebbe –il condizionale in questi casi è d’obbligo- di un arrivo di un certo spessore tra le fila della truppa capitanata dal generale Colombo stando anche al pedigree vantato dal promesso sposo all’Arzignano descritto da molti esperti del settore come il classico centrocampista completo, bravo sia in interdizione ma anche e soprattutto in fase di costruzione, specializzato nei calci piazzati e capace di sfornare anche assist per i compagni. Non a caso stiamo parlando di un elemento cresciuto nel settore giovanile del Bologna e che in passato ha calcato sia i palcoscenici della Serie D con le casacche della Torres, del Grosseto e del Rieti ma soprattutto quelli della Lega Pro grazie alle esperienze vissute a Prato, Catanzaro, Forli e Arzachena dove ha giocato le ultime due stagioni. Se tutto andrà come sembra, non potremo tra l’altro che parlare di un ingaggio tutto sommato inaspettato o quanto meno difficilmente immaginabile all’inizio della campagna acquisti visto che Casini, 180 centimetri d’altezza per 76 chilogrammi, aveva già trovato un accordo con il Rimini rescindendo, poi il contratto con il club romagnolo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1