15 novembre 2019

Sport

Chiudi

03.11.2019

Arzignano a Fano per respirare «In queste gare la posta è doppia»

Il tecnico Alberto Colombo
Il tecnico Alberto Colombo

Vietato sbagliare. Non serve fare tanti inutili giri di parole ma l’imperativo categorico per l’Arzignano in vista della sfida esterna odierna in casa del Fano è appunto solo e soltanto uno; allo stadio Mancini, Maldonado e compagni non potranno infatti assolutamente permettersi passi falsi L’ultimo posto in griglia con 8 punti non lo consente, un successo poi –sarebbe il secondo stagionale- permetterebbe una bella boccata d’ossigeno e soprattutto significherebbe sorpasso sui granata (attualmente terzultimi con 2 lunghezze di vantaggio) in attesa di conoscere il risultato di Gubbio, Rimini e Imolese. Insomma, in 90 minuti il quadro nel fondo classifica potrebbe mutare totalmente. Servirà però mettere da parte l’estetica ed essere pratici . «Le gare contro le dirette concorrenti ovviamente sono importanti e –spiega l’ex tecnico del Vicenza- hanno un valore ancora maggiore rispetto alle altre; in partite del genere ci vorrà coraggio, servirà giocare con un certo equilibrio tattico e dovremo prestare massima attenzione». L’Arzignano - che potrà nuovamente contare sull’attaccante Piccioni (ancora ai box invece Casini, Lo Porto ed Heatley che però è sulla via del recupero) - dovrà dunque essere pronto alla battaglia perché solo così potrà pensare di domare le aquile granata; la formazione di Fontana arriva allo scontro diretto sì con due punti di vantaggio in classifica, ma anche con tre sconfitte consecutive sul groppone –Triestina, Vis Pesaro, Carpi- nelle quali non è mai riuscita ad andare a bersaglio. Il Fano non segna dal 6 ottobre (rete di Parlati che è valsa la vittoria sull’Imolese) e nelle sei gare sin qui disputate tra le mura amiche ha racimolato appena 3 gettoni. Numeri dunque che dovrebbero infondere un pizzico di ottimismo, ma guai ad abbassare la guardia. «Il Fano gioca un ottimo calcio, magari a volte paga l’inesperienza ma vanta una chiara e marcata idea di gioco trasmessa dal proprio mister; i granata aggrediscono molto in fase di non possesso mentre, quando hanno loro la palla, sanno cosa fare. Come se non bastasse giocheremo in un ambientale particolare e quindi dovremo avere la capacità di reagire». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
28
Adriese
25
Cartigliano
25
Luparense
21
Union Clodiense Chioggia
21
Legnago Salus
21
Cjarlins Muzane
21
Mestre
20
Feltre
20
Chions
19
Ambrosiana
18
Caldiero
17
Este
16
Belluno
15
Montebelluna
14
Delta Rovigo
14
Villafranca Vr
12
Tamai
7
Vigasio
7
San Luigi
6
Adriese - Vigasio
3-1
Caldiero - Union Clodiense Chioggia
0-1
Montebelluna - San Luigi
1-1
Cartigliano - Campodarsego
1-3
Chions - Luparense
1-1
Este - Delta Rovigo
0-0
Legnago Salus - Belluno
3-0
Mestre - Cjarlins Muzane
3-1
Feltre - Tamai
0-1
Villafranca Vr - Ambrosiana
2-4