14 ottobre 2019

Sport

Chiudi

07.09.2019

Sfuma il sogno iridato L’Italia fa mea culpa

Marco Belinelli nella partita contro la Spagna
Marco Belinelli nella partita contro la Spagna

WUHAN (Cina) L’Italia del basket saluta il mondiale cinese prima dei quarti di finale. Gli azzurri di Meo Sacchetti, pur lottando fino all’ultimo, si sono arresi alla Spagna, a Wuhan, ieri, in una partita valida per il gruppo J, che qualifica alla fase successiva gli iberici. Battuta per 67-60 (18-18, 30-31, 50-48) e sconfitta anche dalla Serbia nel primo turno della seconda fase, la nazionale è quindi eliminata dalla rassegna iridata. Fuori, dunque, con molti rimpianti. Ai quarti, con la Serbia, va la Spagna che esce vittoriosa al termine di un incontro nervoso, con tanti errori al tiro su entrambi i fronti, ed equilibrato. Il rammarico di coach Sacchetti e dei suoi ragazzi sta proprio in questo. Avessero perso di 20 punti... Invece sul parquet di Wuhan il ko è maturato nei minuti finali, dopo che l’Italia era rimasta attaccata con unghie e denti agli avversari, costretti a sudare su ogni azione, su ogni rimbalzo. Al termine tanta amarezza: «Ho giocato una pessima partita, mi prendo tutta la responsabilità. Molta parte della pessima prestazione è colpa mia, mi dispiace», il mea culpa di Marco Belinelli, che ha chiuso con soli 7 punti all’attivo. «Questa partita lascia tanto rammarico», gli fa eco il capitano Gigi Datome. «Abbiamo perso una grande opportunità. Non penso che fossimo la squadra favorita, né la più forte. Nonostante questo, abbiamo avuto un’occasione incredibile, con un attacco che ha fatto male per lunghi tratti. Ora c’è parecchia delusione». Un grande avvio (con un parziale di 5-15) aveva acceso la speranza che sorprendere una Spagna non impeccabile fosse possibile. Ma, come già contro la Serbia, il maggior peso della panchina, guidata da Sergio Llull, alla lunga ha fatto la differenza, unito a una cresciuta intensità difensiva della squadra di Sergio Scariolo e all’incepparsi dell’ attacco azzurro (solo 4/20 i tiri da 3 punti). Nel frattempo la difesa continuava a tenere botta (vedi gli otto rimbalzi di Daniel Hackett) e grazie a essa l’Italia è rimasta dentro una partita con pochi canestri. Va detto che pure la Spagna ha tirato sotto il 40 per cento dal campo (24/61) e ha imbucato solo sei delle 23 triple tentate. Migliori realizzatori sono stati Juancho Hernangomez (16) e Ricky Rubio (15) da una parte, Danilo Gallinari (15) e Luigi Datome (12) dall’altra. A 4’21’’ dalla fine Gallinari ha portato i suoi sul +4. È stato il canto del cigno azzurro. Da lì solo Spagna: con un parziale di 10-0 ha ribaltato gli equilibri, trovando gli unici due punti di Marc Gasol nel momento più importante, con la precisione dalla lunetta di un Ricky Rubio, altrimenti spento. Domenica c’è l’incontro con il Porto Rico, ma entrambe le squadre sono eliminate. Gli azzurri torneranno in campo per un impegno ufficiale nel 2020, al torneo Preolimpico conquistato con le vittorie contro Filippine e Angola. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cartigliano
17
Luparense
16
Campodarsego
16
Adriese
15
Union Clodiense Chioggia
14
Caldiero
14
Ambrosiana
13
Legnago Salus
12
Cjarlins Muzane
12
Mestre
11
Feltre
10
Este
10
Vigasio
10
Belluno
9
Delta Rovigo
9
Chions
8
Villafranca Vr
8
Montebelluna
5
Tamai
3
San Luigi
1
Ambrosiana - Belluno
2-1
Montebelluna - Villafranca Vr
0-0
Cjarlins Muzane - Campodarsego
2-4
Delta Rovigo - Legnago Salus
2-0
Este - Chions
2-1
San Luigi - Adriese
1-6
Tamai - Cartigliano
2-2
Union Clodiense Chioggia - Luparense
1-1
Feltre - Caldiero
1-1
Vigasio - Mestre
1-2