25 gennaio 2020

Sport

Chiudi

18.06.2019

I fischi di Elisa, è l’unica arbitra in serie D

Elisa Vicentini, 24 anni,  giocatrice  e arbitro di basket. FOTO CAMERRA
Elisa Vicentini, 24 anni, giocatrice e arbitro di basket. FOTO CAMERRA

Sul parquet poche parole e più fischi. Funziona soprattutto se sei donna, hai 24 anni e sei l’unica ad arbitrare nella serie D maschile di pallacanestro. Elisa Vicentini, di cognome e di origini, non vuol sentire parlare di discriminazione. «A fare la differenza sono il carattere e la conoscenza dello sport. Non sono mai stata al centro di episodi spiacevoli, però quando arbitro gli uomini è facile sentirsi dire le solite frasi del tipo “Ecco, ci tocca una donna”. Ma bisogna andare oltre». Elisa studia scienze motorie, fino allo scorso anno ha giocato a Montecchio in C (prima, la passione per il calcio e l’hip pop), ma da qualche mese ha scelto di dedicarsi all’arbitraggio. Tuttavia non ha rinunciato a disputare un campionato nel suo ruolo, quello di play. «Gioco con il Be-Bop Vicenza nel campionato amatoriale Uisp; questo mi permette di arbitrare le categorie giovanili e la serie D. Sono l’unica donna arbitro che “fischia” in una maschile; con me, in Veneto, ci sono altre tre ragazze, una veneziana e le altre due trevigiane. Gioco da quando ero in quarta elementare e siccome sono molto emotiva mi arrabbiavo tantissimo con gli arbitri. Due stagioni fa ho pensato: “perché ora non provo a mettermi nei panni dell’arbitro?” E così ho cominciato. Al Memorial Cestaro, il presidente del Famila ha premiato per primi gli arbitri e me come donna. Un’altra volta a Chiampo arbitrando l’under 18 sono uscita tra gli applausi». Non è un gran momento per gli arbitri in gonnella. Tristemente noti sono diventati gli insulti del telecronista Sergio Vessicchio, che commentando una partita di calcio si è scagliato contro l’assistente dicendo: “È uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri”. Commenta Vicentini: «Con questa mentalità si fa poca strada, anche perché il vero problema è che, almeno nella pallacanestro, c’è carenza di arbitri. La Fip vicentina ne conta circa 50. Non sono nemmeno pochi, ma sono tante le partite da coprire: Vicenza è la provincia con più squadre per categoria. Il segreto per farsi rispettare? L’autorevolezza. E poi preferisco fischiare una volta in più che una in meno». Elisa arbitra ogni fine settimana e fino al 23 giugno, è impegnata alle finali tricolore under 16 femminile a Chianciano Terme. «Mi piacerebbe arrivare ad arbitrare a livelli più alti e poter dare una mano alla federazione vicentina come educatrice». •

Marta Benedetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
48
Legnago Salus
41
Ambrosiana
38
Cartigliano
38
Luparense
37
Adriese
37
Union Clodiense Chioggia
37
Mestre
35
Feltre
34
Cjarlins Muzane
34
Este
32
Caldiero
31
Chions
30
Delta Rovigo
30
Belluno
27
Montebelluna
26
Vigasio
20
Villafranca Vr
17
San Luigi
17
Tamai
16
Adriese - Feltre
1-0
Ambrosiana - Cjarlins Muzane
3-0
Belluno - Delta Rovigo
1-2
Caldiero - Vigasio
2-1
Campodarsego - Este
2-2
Cartigliano - Montebelluna
1-1
Chions - Villafranca Vr
0-0
Legnago Salus - Mestre
0-0
Luparense - Tamai
1-0
Union Clodiense Chioggia - San Luigi
2-2