08 luglio 2020

Sport

Chiudi

24.09.2019

Dal Famila al Bangladesh La nuova vita di Fossati

Fabio Fossati è il nuovo coach della nazionale del Bangladesh
Fabio Fossati è il nuovo coach della nazionale del Bangladesh

Col «Famila Schio nel cuore», Fabio Fossati va a prendersi la panchina della nazionale maschile del Bangladesh. Un’avventura inusuale, sicuramente controcorrente. Il tecnico originario di Monza è però uno tosto e chi lo conosce e l’ha apprezzato in tanti anni di pallacanestro lo sa. Da queste parti lo ricordano ancora bene. «Subito ho detto: ma chi me lo fa fare? Poi ho accettato la proposta: il Bangladesh vive con l’ossessione di battere la nazionale indiana «Considero l’esperienza scledense forse il punto più alto della mia carriera – spiega -. L’esperienza a Schio, dal 2004 al 2007, è arrivata dopo il mio lavoro alla Dinamo Mosca. Avevo giocato diversi anni con Carlo Spillare, l’allora general manager delle arancioni. Avevo un contratto in essere con la Dinamo, ma rimasi fulminato dal presidente Cestaro, dalla sua volontà di vincere per la prima volta uno scudetto e accettai la sfida rinunciando ad un sontuoso contratto russo. E da lì iniziò tutto. Vincere il primo titolo e poi ripetersi è stato durissimo. Ricordo il pubblico fantastico: avere regalato ai tifosi scledensi i primi due scudetti è stata una delle cose più belle a livello lavorativo che abbia vissuto». E un sassolino Fossati se lo leva dalla scarpa. «Nonostante il contratto a Schio presero decisioni diverse e contesto solo il fatto che invece di comunicarmi la decisione il 28 giugno, giorno del mio compleanno, avrebbero potuto dirmelo prima». Tornando alla sua nuova esperienza, il 68enne Fossati, che negli ultimi anni ha allenato anche in Svizzera, e una volta nominato capo allenatore della nazionale femminile del Camerun, giocato il torneo di qualificazione per i Giochi di Londra 2012, ha dovuto sbattere sulla rinuncia da parte della federazione per mancanza di soldi, motiva così la sua scelta: «Le mie valigie avevano troppe ragnatele, avevo bisogno di una sfida. E rubando la risposta a chi ha tentato di raggiungere l'Everest agli albori del Novecento dico che lo faccio perché il Bangladesh è là, o meglio è qui. Sono a Dhaka, un centro sportivo paradisiaco. La pallacanestro qui è ai massimi livelli e la mia squadra è formata da giocatori in passato arruolati nei gruppi sportivi militari, nella polizia, nell’aviazione navale». Buona fortuna. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Marta Benedetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno