05 dicembre 2019

Sport

Chiudi

15.11.2019

Cernivani, alabardato doc «Ma adesso mi sfottono»

Stefano Cernivani, guardia della Tramarossa Vicenza. FOTO CAMERRA
Stefano Cernivani, guardia della Tramarossa Vicenza. FOTO CAMERRA

Trieste è una città dinamica, punto di incontro fra il Mediterraneo, i Balcani e la Mitteleuropa. Non è un caso vedere i suoi abitanti essere pronti a lasciarla, pur mantenendovi salde radici, per cercare fortuna altrove. È anche il caso di Stefano Cernivani, triestino arrivato quest’anno alla Tramarossa Vicenza dopo aver girovagato la penisola. In quella che è la sua nona squadra in undici stagioni il giuliano si è subito ben ambientato: «È un piacere stare qui - afferma - in uno spogliatoio composto da ragazzi per bene e con cui è facile andare d’accordo. Lo stesso discorso vale per lo staff e la dirigenza, finora ho solo buone parole». Nella vittoria di domenica con Crema Cernivani è stato fondamentale, realizzando 21 punti in quella che è stata sinora la sua miglior prestazione stagionale. Con 12.3 punti di media è il secondo marcatore della squadra, anche se ha qualcosa da rimproverarsi: «Ultimamente la precisione al tiro va e viene, ma non mi faccio condizionare. Una volta quando non facevo canestro da fuori mi demoralizzavo, con il passare degli anni sono maturato e ho capito che devo rendermi utile anche in altri aspetti». A proposito del prossimo avversario, quel Lecco che precede la Tramarossa in classifica, spiega: «Gli esterni Bloise, Mascherpa e Casini sono il loro punto di forza. Per noi la partita è importante per trovare continuità e un successo ci garantirebbe la giusta fiducia per il futuro». Un’affermazione in Lombardia sarebbe un bel regalo di compleanno per la guardia biancorossa, che proprio oggi compie 28 anni e che, oltre agli hobby tipici dei coetanei, ne coltiva uno meno consueto: “Cerni” è un grande appassionato di cucina e si diletta ai fornelli: «Il baccalà alla vicentina è un piatto che ho sempre apprezzato, ma prepararlo è difficile. Magari mi farò dare una mano da mia nonna». L’altra grande passione, in attesa della laurea in scienze motorie, è il calcio: «Magari il momento per rivelarlo non è adatto - scherza - ma tifo Triestina. E dopo la gara con Vicenza c’è Dino (Pressanto, dirigente accompagnatore, ndr) che mi saluta con le tre dita. Giustamente devo subire; proverò a vendicarmi al ritorno, ma mi sa che quest’anno sarà dura». •

Alberto Vigonesi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
37
Cartigliano
31
Adriese
28
Feltre
27
Legnago Salus
27
Mestre
26
Luparense
25
Ambrosiana
25
Union Clodiense Chioggia
25
Cjarlins Muzane
24
Este
22
Belluno
21
Delta Rovigo
21
Montebelluna
20
Chions
19
Caldiero
18
Villafranca Vr
14
Tamai
10
Vigasio
7
San Luigi
6
Adriese - Cartigliano
3-1
Ambrosiana - Mestre
3-0
Belluno - Chions
4-1
Campodarsego - Legnago Salus
3-0
Cjarlins Muzane - Montebelluna
1-2
Luparense - Caldiero
2-1
San Luigi - Feltre
0-7
Tamai - Este
2-0
Union Clodiense Chioggia - Villafranca Vr
2-2
Vigasio - Delta Rovigo
1-3