20 agosto 2019

Sport

Chiudi

13.07.2019

Caracciolo, l’ora dei saluti «Ho concluso in bellezza»

Erica Caracciolo ha giocato a Sarcedo  la sua ultima stagione
Erica Caracciolo ha giocato a Sarcedo la sua ultima stagione

Dopo quello di Giustino Altobelli, Sarcedo ha dovuto in questi giorni affrontare un altro doloroso addio: quello della capitana, e anima della squadra, Erica Caracciolo. «La mia è stata una decisione molto sofferta, ma inevitabile- spiega Caracciolo- quando il corpo comincia a darci dei segnali, secondo me è necessario ascoltarli e affrontarli. Già all’inizio dell’anno mi faceva male una cartilagine del ginocchio, ma ho stretto i denti; verso la fine della stagione sportiva ho cominciato a sentire dolore anche nell’altro ginocchio, anche questo per problemi alla cartilagine, il dottore addirittura mi aveva proibito di giocare i playoff; io però ho voluto giocare lo stesso, ci tenevo troppo, e volevo chiudere la mia carriera nella pallacanestro in bellezza» racconta la giocatrice di 33 anni. E si può dire che abbia raggiunto il suo obiettivo. «La promozione in A2 conquistata con il Sarcedo è stata per me una soddisfazione immensa, che mi ha ripagato di tutti i sacrifici, e il dolore, sopportati nel corso della stagione. In particolare porterò per sempre nel mio cuore la serata del 1° giugno 2019 (il giorno in cui battendo Pordenone in gara-3 Sarcedo ha conquistato l’A2, ndr). Ho anche deciso di farmi un tatuaggio con questa data». Erica Caracciolo, nata a Thiene nel 1986, ha iniziato a giocare nelle giovanili del Famila Schio, squadra con la quale ha esordito in A1 vincendo anche uno scudetto nel 2005; in seguito ha disputato quattro stagioni in A2 rispettivamente con Montigarda, Vicenza e Bolzano. Poi nel 2009 è passata al Marghera, per approdare l’anno successivo ancora al Vicenza in serie B. Dopo aver giocato per un anno con il Treviso (sempre nella categoria cadetta) è tornata a Vicenza dove ha giocato per due stagioni in A2. Nel 2015 la nuova e inedita avventura, in serie C, con il Quinto Miglio, club con il quale ha conquista la promozione in B. Nel 2017 approda infine al Sarcedo, squadra nella quale ha deciso di chiudere la sua carriera da cestista. «Ringrazio tutti gli allenatori che ho avuto il piacere di conoscere - afferma Caracciolo -. Tutti mi hanno insegnato qualcosa e penso a ognuno di loro con stima e affetto. Un posto speciale nel mio cuore però lo riservo al mio ultimo allenatore, Giustino Altobelli con il quale in questo ultimo anno si è instaurato un rapporto veramente speciale». «Avevo già conosciuto Altobelli al mio esordio in A1 con il Famila, e siccome io ero la più piccola della squadra, Giustino, all’epoca vice allenatore dello Schio, aveva un occhio di riguardo per me; averlo ritrovato a Sarcedo è stato davvero bellissimo». Alla domanda se rimarrà nell’ambiente del basket, magari con un ruolo in società, la risposta di Caracciolo è netta. «No, ho deciso di abbandonare tutto, mi è stato chiesto di rimanere in società, ma io quando accetto di fare qualcosa lo faccio dando il cento per cento. Accettando un simile incarico non potrei assicurare la piena disponibilità, come ho sempre fatto. Ho deciso di dedicarmi maggiormente alla famiglia, ai miei amici e al mio lavoro, che in questi ultimi tre anni ho un po’ trascurato». Sicuramente le bombe da tre nei momenti decisivi, la sua esultanza contagiosa, la sua grinta, mancheranno tantissimo al Sarcedo (ma anche a tutti gli appassionati vicentini) e sarà difficilissimo per il presidente Lino Tedesco trovare chi potrà sostituirla nel cuore di tutti i tifosi del Sarcedo ma anche in campo dove sapeva mettere sempre qualcosa in più oltre la tecnica. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Annamaria Polga
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1