15 novembre 2019

Sport

Chiudi

25.06.2019

Belinelli al Grest: «Nba, il top. E ora la Nazionale»

SCHIO. Un testa a testa con Raffaella Masciadri, specialista dei tiri da tre, e gli animatori del Grest, Simone e Michele. Ma Marco Belinelli ne ha fatti cinque su cinque, con una semplicità disarmante. Non caso il cestista di San Giovanni in Persiceto, ospite ieri al palasport Don Bosco, nel 2014 ha vinto il prestigioso trofeo NBA Three-point Shootout (tiro da tre punti). «È stata una bella emozione – ricorda la guardia dei San Antonio Spurs –. Tutti si aspettavano la vittoria di un americano, e invece quella volta è stato un italiano a strappare il titolo di miglior tiratore, per me una grande soddisfazione». Oltre 800 ragazzi hanno invaso il Don Bosco sotto la regia di don Alberto e non sono mancate domande curiose. Belinelli ha riavvolto il nastro dei ricordi, quando il nonno lo accompagnava a scuola e poi agli allenamenti, una figura che Marco ha voluto ricordare tatuandosi il suo cappello. «Ho diversi tatuaggi: quello del titolo Nba vinto, una piuma che indica la libertà, ognuno ha un forte significato per me e quel cappello ricorda mio nonno: purtroppo è mancato prima che io partissi per l’America». Come si prepara alla partita? Io lo faccio di routine, mangio un po’ di pasta, del petto di pollo e della verdura, poi un piccolo riposino. L’Nba è stato un sogno che si e avverato, che ricordi ha di quell’arrivo in America? Avevo 19 anni ed ero molto emozionato: stavo per avventurarmi in un mondo tutto nuovo, avevo lavorato sodo per arrivare a quel traguardo, ma avevo anche un po’ di paura. Era la prima volta che me ne andavo così lontano, avevo lasciato gli affetti più cari, gli amici, la famiglia, i primi mesi non è stato facile. Dal punto di vista tecnico il basket americano è al top: è fatto di velocità e spettacolo, forse in Italia c’è più tecnica. Ma io sto bene in America. E infatti difficilmente la rivedremo in Italia in tempi brevi... Ora la mia vita è là, al momento penso a migliorare e il prossimo anno di vincere ancora visto che sono ritornato a San Antonio; non sarà facile ma penso che faremo una buona annata. Però a settembre lo rivedremo con la maglia azzurra. Giocare per la Nazionale è una cosa incredibile, emozionante, finora non ho mai vinto nulla chissà che quest’anno arrivi anche in azzurro qualche soddisfazione e la qualificazione ai Mondiali. Anche la Nazionale femminile cerca qualcosa di importante, E Schio, con il Famila, da dieci anni domina il basket italiano? Sì, è una bella realtà, so che una vostra ex giocatrice, Cecilia Zandalasini, gioca nella Wnba. E quindi stanno crescendo nuovi talenti. Questo è molto importante per il movimento femminile anche se c’è ancora poca visibilità. Al maschile Venezia ha vinto lo scudetto contro Sassari. Ha seguito i play off? Non tanto, ho visto qualche partita della serie finale e sono contento per “Poz” (Gianmarco Pozzetto, ndr), penso che se anche non hanno vinto lo scudetto hanno fatto una grandissima stagione. Venezia era più completa. Come vede il basket italiano? Anche se non lo seguo molto credo che il movimento sia in crescita, quest’anno ritorna il derby di Bologna e credo che questo possa stimolare tanti giovani ad avvicinarsi. •

Paolo Terragin
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
28
Adriese
25
Cartigliano
25
Luparense
21
Union Clodiense Chioggia
21
Legnago Salus
21
Cjarlins Muzane
21
Mestre
20
Feltre
20
Chions
19
Ambrosiana
18
Caldiero
17
Este
16
Belluno
15
Montebelluna
14
Delta Rovigo
14
Villafranca Vr
12
Tamai
7
Vigasio
7
San Luigi
6
Adriese - Vigasio
3-1
Caldiero - Union Clodiense Chioggia
0-1
Montebelluna - San Luigi
1-1
Cartigliano - Campodarsego
1-3
Chions - Luparense
1-1
Este - Delta Rovigo
0-0
Legnago Salus - Belluno
3-0
Mestre - Cjarlins Muzane
3-1
Feltre - Tamai
0-1
Villafranca Vr - Ambrosiana
2-4