10 aprile 2020

Sport

Chiudi

10.12.2019

Doping di Stato, Russia fuori dai Giochi

La Russia ha fatto doping di Stato? La Wada decide per la squalifica
La Russia ha fatto doping di Stato? La Wada decide per la squalifica

Russia fuori dai Giochi. L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha bandito la Russia dalla partecipazione ai principali tornei sportivi internazionali, tra cui le Olimpiadi e i Campionati del mondo, per un periodo di quattro anni. Il comitato esecutivo della WADA ha preso la decisione dopo aver concluso che Mosca ha manomesso i dati di laboratorio con prove false ed eliminando i file collegati a test antidoping positivi che avrebbero potuto aiutare a identificare i dopati. La squalifica, fra l’altro, oltre alle Olimpiadi comprometterebbe la presenza della Russia anche ai Mondiali di calcio in programma in Qatar nel 2022 mentre è salva la partecipazione a Euro2020 - dove fra l’altro San Pietroburgo è fra le città ospitanti - non rientrando il torneo fra gli eventi sportivi punibili per le violazioni delle norme antidoping. I guai russi sono cominciati nel 2015, con la squalifica - tuttora vigente - sancita dalla Iaaf, la Federazione internazionale di atletica. Poi il rapporto McLaren ha portato alla luce l’esistenza di un vero e proprio doping di Stato che ha condizionato anche l’Olimpiade invernale di Sochi 2014. «Credo che chi di dovere debba riflettere sull’opportunità di sfidare questa decisione». Dmitry Medvedev, premier russo, invita le organizzazioni sportive a fare ricorso. «Il fatto che queste decisioni continuino a ripetersi e siano spesso applicabili a quegli atleti che sono stati già sanzionati, fa pensare a un’isteria anti-Russia che è diventata cronica», ha aggiunto Medvedev pur ribadendo che «è impossibile negare che nella nostra comunità sportiva non ci sia un problema doping». La richiesta del premier verrà accolta, ma senza fiducia. Il capo dell’agenzia antidoping russa Rusada, Yuri Ganus, sostiene che la Russia non abbia «nessuna chance» di ribaltare in appello la decisione della Wada. «Non c’è nessuna chance», ha dichiarato Ganus, «di vincere questo caso in tribunale». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno