01 aprile 2020

Sport

Chiudi

09.11.2019

Bordignon, mai mollare Si migliora dopo 7 anni

Federico Bordignon a Tallinn
Federico Bordignon a Tallinn

La maratona, un amore tra alti e bassi. Preparare una 42 km comporta sacrifici, fatica, un grande investimento di energia fisica e mentale ma la soddisfazione di portarla a termine ripaga tutto questo. È intraprendere un viaggio dove la testa gioca un ruolo fondamentale. La Maratona di Tallinn, disputata a settembre, rappresenta un nuovo punto di partenza per Federico Bordignon (Vicenza Marathon), 16° al traguardo in 2h36’08 migliorando il suo primato a distanza di sette anni dal 2h36’17 ottenuto a Treviso nel 2012. «Nonostante i continui cambi di ritmo - racconta il 27enne - dovuti ai saliscendi e a lunghi tratti di sterrato del percorso, affascinante dal punto di vista paesaggistico, ho corso regolare e in totale sicurezza, senza esagerare. In questi anni sono maturato, ho acquisito maggior consapevolezza delle mie capacità, e non voglio fermarmi qua. Quella di Tallinn era un test per capire come stavo, ora alla maratona di Verona, vorrei osare di più». Ad accompagnarlo in questa avventura il padre Daniele che lo ha fatto appassionare alla corsa e lo ha riportato indietro sui suoi passi quando aveva smesso. «Ho iniziato nel 2010 - aggiunge Bordignon - così per gioco dopo essere dimagrito. Mio padre correva già dal 1997 e viaggiava molto correndo maratone. Ho iniziato facendo qualche gara di paese e partecipando a qualche mezza. L’anno dopo ho deciso di preparare una maratona e ho chiuso la prima in 2h46’36, la Lake Garda Marathon, a 19 anni». Nel mese di dicembre 2011 si è migliorato per ben due volte correndo in 2h40’ a Reggio Emilia e a Calderara Di Reno prima dell’exploit a Treviso dove ha conclusonono assoluto. Da lì è iniziato un periodo travagliato a livello personale e ha deciso di smettere con la corsa, concentrandosi sugli studi e dedicandosi alla palestra partecipando anche a una gara di body building. Dopo la laurea in storia a Venezia si è trasferito a Bra, in provincia di Cuneo, per conseguire la magistrale in scienze gastronomiche. In quel periodo, sollecitato dal padre, ha ripreso a correre partecipando alla maratona di Dublino correndo, senza allenamenti specifici, in 2h56’. In Irlanda ha ritrovato la passione per la corsa e la voglia di faticare e, nel 2017, ha corso in 2h44’ a Cork sotto la guida di Dario Meneghini. A gennaio di quest’anno Bordignon è tornato ai suoi tempi migliori, seguito da Fabio Bertoldo, ed è riuscito ad abbassare i personali nei 10 km (33’49”) e nella mezza maratona (1h14’16) fino ai progressi anche nella distanza regina. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiara Renso
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno