19 settembre 2020

Sport

Chiudi

11.02.2020

Ora Kouko e Piccioni firmano le ricette per curare il mal di gol

L’esultanza di Piccioni. STELLA
L’esultanza di Piccioni. STELLA

Alla sua prima al Menti davanti ai tifosi dell’Arzignano, Daniel Zinon Kouko si è subito fatto apprezzare ed è uscito tra gli applausi. Corsa, tecnica e soprattutto, il gol. Cosa non scontata visto che dopo 25 partite di campionato la squadra di Alberto Colombo è quella con l’attacco meno prolifico del girone B. Una buona notizia quindi per il tecnico, anche se il suo Arzignano si è fatto scivolare via tre punti che sembravano ormai in pugno come ha sottolineato lo stesso Kouko: «Sono più deluso dal pareggio, il gol è importante per me. Per un attaccante segnare è sempre la cosa che conta di più. Però nel match contro la Triestina sarei stato molto più contento di portare a casa la vittoria». Di positivo però c’è stata la prestazione dei giallocelesti: «Abbiamo fatto una buona partita – ha confermato l’attaccante – ma siamo stati disattenti su alcuni episodi. Non doveva succedere di prendere gol in nove contro undici: i tre punti erano davvero importanti e dovevamo portarli a casa. Qui c’è davvero un bel gruppo, compatto verso l’obiettivo: la salvezza. La stagione però è davvero tosta, il girone è difficilissimo, ma noi cercheremo di remare tutti dalla stessa parte per raggiungere il nostro traguardo». A guardare il bicchiere mezzo pieno ci prova anche Gianmarco Piccioni, che domenica contro la Triestina ha trovato il suo terzo centro con la maglia gialloceleste: «Abbiamo trovato giocatori che sono arrivati da poco, ma credo ci daranno una grande mano. L’altra faccia della medaglia è che in nove contro undici dovevamo portarla a casa in qualsiasi modo, poi loro hanno trovato un gol incredibile e a Gomez e Sarno possiamo solo fare i complimenti, però nella situazione in cui siamo questi erano tre punti da portare a casa». Visibilmente emozionato, dopo il gol del momentaneo 2-1, il giocatore dell’Arzignano spiega il suo stato d’animo: «Sono una persona che vive di emozioni e sto dando tutto me stesso per la causa. È normale che dopo la batosta di domenica scorsa contro il Südtirol, andare in vantaggio e poi farsi agguantare su un errore individuale, che poi può starci, il mio gol è stato una gioia talmente grande che c’è stata un po’ di emozione. Tutti ci teniamo a vincere la prima partita in casa e soprattutto volevamo voltare pagina dopo la sconfitta di Bolzano. Quello che ci manca in questo momento è sbloccarci mentalmente qui al Menti, quando riusciremo a farlo sarà tutto in discesa». •

Anna Fabrello
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Prima Categoria - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
7 Comuni 1967
0
Alto Astico Cogollo
0
Arcugnano
0
Azzurra Sandrigo
0
B.p. 93
0
Berton Bolzano Vicentino
0
Due Monti
0
Dueville
0
Fc Valdagno
0
Grantorto
0
Grisignano
0
Le Torri Bertesina
0
Malo 1908
0
Pedemontana
0
Poleo Aste
0
Summania
0
Valli
0
Zane' 1931
0
Atalanta - Inter
0-2
Bologna - Torino
1-1
Brescia - Sampdoria
1-1
Genoa - Hellas Verona
3-0
Juventus - Roma
1-3
Lecce - Parma
3-4
Milan - Cagliari
3-0
Napoli - Lazio
3-1
Sassuolo - Udinese
0-1
Spal - Fiorentina
1-3