24 settembre 2020

Sport

Chiudi

04.02.2020

L’Arzignano prepara l’operazione riscatto «Ora su le maniche»

Colombo si sbraccia al Druso: domenica amara per l’Arzignano. TROGU
Colombo si sbraccia al Druso: domenica amara per l’Arzignano. TROGU

La caduta. È stata una domenica da dimenticare in fretta quella vissuta a Bolzano dall’Arzignano, travolto al Druso dalla “tormenta Südtirol”; la squadra di Vecchi ha infatti spazzato via i giallocelesti che hanno perso il confronto con un mesto e umiliante 5-0. Per la prima volta in campionato, dunque, la compagine allenata da Colombo s’è dimostrata totalmente impotente di fronte alle giocate degli avversari; che la formazione biancorossa disponesse di un potenziale superiore a quella vicentina lo si sapeva fin dal principio, ma nessuno poteva immaginare di poter subire una batosta del genere. «C’è poco da dire –spiega Alberto Colombo- se la sconfitta può anche essere accettata è la misura con la quale questa è maturata a fare male. Si sapeva che il Südtirol era superiore ma noi non abbiamo disputato la nostra solita prestazione soprattutto nel secondo tempo». Chiusi i primi 45 minuti sotto per 2-0 (era accaduto solo nel mercoledì nero di Trieste) nella ripresa l’Arzignano non è riuscito a riorganizzare le idee ma, al contrario, è caduto sonoramente al tappeto. «Nel voler cercare di riaprire il risultato abbiamo perso l’equilibrio che solitamente ci contraddistingue». Anche in questo caso Colombo non si nasconde anzi. «Visto da fuori sembrava che la nostra squadra non fosse per nulla organizzata e questa penso sia la cosa peggiore per un allenatore; personalmente mi assumo tutte le mie responsabilità, ora dobbiamo solo metterci nuovamente a lavorare sodo e noi dello staff tecnico dovremo cercare di gestire il tonfo sia a livello fisico ma soprattutto psicologico». Un ko che, al di là delle dimensioni, ha lasciato scorie anche a livello di classifica: quasi tutte le concorrenti (eccetto il Pesaro e il Fano) hanno infatti racimolato punti con il Gubbio che dopo aver perso con l’Arzignano ha innescato il turbo totalizzando 10 punti nelle ultime quattro uscite e fermando addirittura la corsa del Vicenza. «Il Gubbio sta tenendo un ritmo importante e pure il Rimini dopo la rivoluzione condotta nel mercato è una squadra rinnovata tanto che poteva cogliere addirittura l’intera posta in palio con il Carpi». Questo invece il pensiero del direttore generale Matteo Togni: «Dobbiamo voltare pagina al più presto, rimboccarci le maniche e ripartire con il supporto anche delle nuove reclute. Nell’ultimo giorno di mercato siamo intervenuti in modo importante con ulteriori innesti e senza privarci della forza già in possesso, penso sia la miglior dimostrazione del fatto che la società vuole fortemente mantenere la categoria anche se ovviamente tutto ora passerà dal lavoro del campo». •

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Promozione - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Eurocalcio 2007
3
Sarcedo
3
Marosticense
3
Tombolo Vigontina S. Paolo
3
Rosa'
3
Sitland Rivereel 2005
3
Unione La Rocca Altavilla
1
Longare Castegnero
1
Calidonense
0
Limena
0
Montebello
0
Virtus Cornedo
0
Monteviale
0
Trissino
0
Football Valbrenta
0
Tezze
0
Chiampo
0
Marola
0
Rosa' - Monteviale
2-1
Chiampo - Eurocalcio 2007
0-2
Football Valbrenta - Marosticense
1-2
Longare Castegnero - Unione La Rocca Altavilla
0-0
Marola - Sarcedo
0-2
Montebello - Limena
Sitland Rivereel 2005 - Trissino
2-1
Virtus Cornedo - Calidonense
Tezze - Tombolo Vigontina S. Paolo
1-2