26 settembre 2020

Sport

Chiudi

14.02.2020

L’Arzi segna di più, ma ora bisogna vincere

Un solo centro per CaisQuattro reti per RoccoHeatley vittima di infortuniKouko a segno su rigorePiccioni in rete domenicaDue gol per Bonalumi
Un solo centro per CaisQuattro reti per RoccoHeatley vittima di infortuniKouko a segno su rigorePiccioni in rete domenicaDue gol per Bonalumi

Male ma non malissimo. Se dovessimo analizzare attentamente il cammino fin qui seguito dall’Arzignano nel suo primo campionato tra i professionisti e trovarne un neo quello sarebbe sicuramente la sterilità offensiva. Il gioco infatti comunque c’è, la mano dell’esperto Colombo si è vista fin da subito tant’è che la compagine gialloceleste ha sempre dimostrato di possedere una propria idea e una propria fisionomia, manca però ancora quel guizzo necessario per spostare l’equilibrio con una certa costanza a proprio favore: in parole povere, urgono gol. Della scarsa vena realizzativa del fronte offensivo gialloceleste in realtà se ne è già parlato e riparlato a più riprese ma alcuni dati fanno comunque stare, relativamente, fiduciosi. GIRO DI BOA. Innanzitutto va detto che dopo sette gare dell’andata la compagine di Colombo vantava, si fa per dire, il peggior score di tutta la serie C con appena 2 reti: Pergolettese e Rende, impegnate nei raggruppamenti A e C, ne avevano siglata una in più. Ad oggi invece –e quindi con una partita in meno nel computo- l’Arzignano con 17 squilli rimane ancora l’attacco più stitico del proprio raggruppamento (l’Imolese infatti è andata a bersaglio due volte in più) ma ha eguagliato la Pergolettese e superato il Rende fermo a quota 16. Non va poi dimenticato che dopo il giro di boa la squadra vicentina è riuscita a colpire più del doppio rispetto agli esordi nel mondo professionistico passando da 2 a 5 gol, tre tra l’altro dei propri punteri. Pare dunque che nel parco cannonieri le polveri non siano più totalmente bagnate. Domenica infatti sono riusciti a gonfiare il sacco sia il neo arrivato Kouko che Piccioni. Kouko, oltre ad aver sciolinato una prestazione maiuscola sotto tutti i punti di vista, è quindi riuscito ad esordire al meglio con la nuova casacca e in via dello sport tutti si augurano che il penalty trasformato alle spese della Triestina possa essere solo il primo di una collana necessaria per raggiungere la tanto sospirata salvezza. PRIMO SQUILLO. L’illusorio 2-1 di Giammarco Piccioni (sappiamo bene infatti come si è conclusa la sfida con la formazione di Gautieri) è stato il primo timbro del 2020 per il corazziere alla corte di Colombo. Il suo bottino stagionale dunque sale a 3: curioso è il fatto che quando il numero 20 va a bersaglio alla fine giunge sempre un punto come capitato del resto con il Modena e con la Fermana (gol pesantissimo ai danni di una diretta rivale per la sopravvivenza giunto in piena Zona Cesarini). Ha invece gonfiato il sacco una sola volta ma è stato il colpo decisivo per mandare al tappeto il Gubbio Heatley: l’attaccante di origini italonicaraguane quando è stato chiamato in causa ha sempre dato il suo apporto anche se, purtroppo, sin qui gli infortuni hanno costellato la sua esperienza arzignanese. La speranza è quello di recuperarlo al più presto. Infortuni che sono stata la croce anche di Vicenza Ferrara (pure lui fino a domenica scorsa in infermeria), l’assist man gialloceleste in grado di fornire il classico ultimo passaggio e che sin qui ha realizzato un gol. Ad oggi il bomber della squadra è Daniele Rocco; il 30enne funanbolo nato a Monfalcone ha colpito in quattro occasioni tutte nel girone d’andata - tra l’altro tre di seguito con vittime Rimini, Vis Pesaro e Virtus Verona- ma nel nuovo anno però è ancora a secco alla pari di Cais che è stato il primo avanti dell’Arzignano ad andare in gol in campionato: era ancora la quarta giornata e la rete del numero 9 non bastò per evitare il ko in casa della Sambenedettese contrariamente a quella realizzata alle spese del Ravenna quando, invece, in virtù anche dello spunto di Bonalumi (2 reti all’attivo) la banda Colombo sorrise per la prima volta tra i “prof”. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Adriese
0
Ambrosiana
0
Arzignano Chiampo
0
Belluno
0
Caldiero
0
Campodarsego
0
Cartigliano
0
Chions
0
Cjarlins Muzane
0
Delta Rovigo
0
Este
0
Feltre
0
Luparense
0
Manzanese
0
Mestre
0
Montebelluna
0
Trento
0
Union Clodiense Chioggia
0
Union S. Giorgio Sedico
0
Virtus Bolzano
0
Brescia - Ascoli
1-1
Cosenza - Virtus Entella
0-0
Cremonese - Cittadella
Frosinone - Empoli
0-2
Lecce - Pordenone
0-0
Monza - Spal
0-0
Pescara - Chievoverona
0-0
Reggio Audace - Pisa
Salernitana - Reggina
1-1
Venezia - L.r. Vicenza Virtus
1-0