25 febbraio 2020

Sport

Chiudi

18.01.2020

Addio a Anastasi
Azzurri con lutto
al braccio a Wembley

Addio a Anastasi, attaccante della Juve degli anni ’60-’70
Addio a Anastasi, attaccante della Juve degli anni ’60-’70

È scomparso all’età di 71 anni Pietro Anastasi, attaccante della Juventus e della Nazionale degli anni ’60-’70. Nato a Catania il 7 aprile del 1948 è scomparso ieri a Varese dopo una lunga malattia. Anastasi esordì come giocatore nella Massiminiana, società appartenente al futuro istrionico
presidente del Catania. Il passaggio al Varese lo mise in mostra e gli valse l’approdo in casa Juventus, squadra nella quale militò per otto stagioni a cavallo tra il 1968 ed il 1976.

 

JUVENTUS. Domani, in occasione di Juventus-Parma, verrà osservato un minuto di silenzio all’Allianz Stadium, e la Juventus scenderà in campo con il lutto al braccio, in memoria di Pietro Anastasi. Lo comunica la società bianconera.

 

GLI AZZURRI. La Nazionale ricorderà Anastasi giocando con il lutto al braccio nel primo dei due importanti test match di marzo, quello del 27 a Wembley contro l’Inghilterra. Lo fa sapere la Federcalcio. Sempre al campione d’Europa 1968 sarà dedicata la prossima partita delle Leggende Azzurre. La Figc, inoltre, parteciperà lunedì ai funerali di Anastasi con una delegazione giudata dal segretario generale Marco Brunelli.

 

LA CARRIERA. Con la maglia bianconera Anastasi vinse tre scudetti (1971-72, 1972-73 e 1974-75), disputando inoltre le finali di Coppa delle Fiere, nel 1971, Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale, queste ultime entrambe nel 1973.

Considerato uno dei migliori centravati della sua generazione, giocò 258 partite in Serie A con la Juve, realizzando 78 reti, laureandosi capocannoniere della Coppa delle Fiere 1970-1971 e della Coppa Italia 1974-1975. Nel 1976 il passaggio all’Inter, dove rimase poer due stagioni, quindi la parabola discendente con Ascoli e Lugano.

 

FIGC. Salutiamo una leggenda del calcio italiano, un giocatore straordinario, ma soprattutto una persona di grande spessore stimata e apprezzata da tutti. Pietro Anastasi rimarrà per sempre nei cuori di tutti i tifosi azzurri per la vittoria dell’Europeo del ’68, protagonista determinante della rinascita del calcio nazionale dopo anni bui«. Così il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ricorda l’ex attaccante morto ieri sera a Varese.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno