07 luglio 2020

Spettacoli

Chiudi

14.02.2020

Romantico e malinconico A Marostica l’asso di cuori

Coez sarà in concerto l’8 luglio per il Summer Festival di Marostica: il suo nome d’arte deriva dalla “firma” ai graffiti che realizzava a Roma
Coez sarà in concerto l’8 luglio per il Summer Festival di Marostica: il suo nome d’arte deriva dalla “firma” ai graffiti che realizzava a Roma

Giulia Armeni MAROSTICA La musica (di Coez) c’è. Sarà il rapper romano nato writer e cresciuto cantautore ad aprire la sesta edizione del Marostica Summer Festival il prossimo 8 luglio. Un colpo grosso per la kermesse estiva di piazza Castello organizzata da DuePunti Eventi, che si aggiudica di fatto l’unica tappa veneta del “Tour 2020” di uno degli artisti più emblematici e amati della scena musicale indie-pop del momento. Reduce dal Festival di Sanremo, dove si è esibito con Gianna Nannini nell’ipnotico duetto “Motivo”, in radio da inizio anno, Coez, al secolo Silvano Albanese, sarà sul palco marosticense l’8 luglio alle 21.30, in un concerto-evento annunciato, assieme alle altre date, sulla sua pagina Instagram ufficiale. Dopo di lui, il 10 luglio, seguiranno Piero Pelù, LP – alias Laura Pergolizzi – il 14 e Ben Harper, il 15 luglio. Un poker di stelle che potrà dunque contare su un asso d’eccezione come il cantante 36 enne originario di Nocera Inferiore, penna romantica, spirito melanconico e timbro seducente, che deve il nome d’arte al tag, “Coez” appunto, con cui autografava i suoi graffiti in giro per Roma, prima di dedicarsi, anima e creatività, alla produzione musicale con i primi collettivi Circolo Vizioso e Brokenspeakers. Dall’album solista d’esordio, “Figlio di nessuno”, nel 2009, ( l’anno scorso ha festeggiato i dieci anni di carriera) a “Faccio un casino”, quarto disco uscito nel 2017 e trampolino della hit “La musica non c’è”, il passo non è dunque stato breve per il rapper delle cose quotidiane, dei sentimenti sospesi e delle atmosfere nostalgiche. Prima di arrivare allo straordinario successo di “È sempre bello”, il singolo presentato nel gennaio di un anno fa (“È sempre bello averti intorno” è forse la dichiarazione d’amore più spontanea, genuina e disarmante che ci sia) e brano più ascoltato su Spotify Italia nel 2019, il rapper dei ritornelli magnetici, delle rime baciate, dei calembour perfetti ha infatti lastricato il suo percorso artistico di pietre fondamentali. “Lontana da me”, “Ali sporche”, “Vorrei portarti via”, “Le parole più grandi”, “E yo mamma”, “Le luci della città” e, la colorata e solo apparentemente spensierata “Domenica”, brano-manifesto del passaggio ad uno stile “Eighties”, electro-hip hop, leggero e disinvolto, omaggio a Vasco e “alla tipica domenica italiana di quando ero ragazzino, a quel silenzio sacro che non c’è più”, ha raccontato lo stesso Coez in un’intervista. Primo artista italiano scelto per lanciare il format Spotify Singles, arrivando a registrare negli studi di Abbey Road una versione inedita di “La tua canzone” e una cover di “Via” di Claudio Baglioni (ne ha interpretate anche di Vasco, “Incredibile romantica” e del collega indie Calcutta, “Cosa mi manchi a fare”, nella raccolta acustica “From the rooftop”), nelle sue “parole più grandi di me”, per citare un altro testo, c’è tutto il mondo di oggi e di domani, dei ventenni ma anche, moltissimo, della generazione di trentenni disillusi-sognatori. Quella che ha “una scuola di danza nello stomaco” ma, in fondo, “non ha niente che non va”. Prevendite su www.ticketone.it dal 10 febbraio e nelle rivendite autorizzate da sabato 15 alle 11. Biglietti a 45 euro+ diritti di prevendita in “pit area”, 35+ dp posti in piedi, 50+ dp tribuna numerata. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giulia Armeni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1