09 dicembre 2019

Spettacoli

Chiudi

28.10.2019

In pedana il Rebulla Quartet Un tuffo in jazz negli Usa ’60

Il Matteo Rebulla Quartet sarà in pedana questa sera al bar Borsa
Il Matteo Rebulla Quartet sarà in pedana questa sera al bar Borsa

VICENZA Composizioni originali che guardano al jazz “made in Usa” degli anni ’60 e alcuni richiami al jazz contemporaneo, questa sera al Bar Borsa di piazza dei Signori. Per la rassegna “Borsa Autumn Jazz” sale in pedana alle 21.30 il “Matteo Rebulla Quartet”. Lanciato dal batterista milanese Rebulla, il progetto vede accanto a lui Francesco Bianchi al sax alto, Simone Daclon al piano e Marco Vaggi al basso. «Il nostro repertorio parte da composizioni originali legate alla tradizione jazzistica degli anni ‘60 – spiega il leader – ma sei singoli brani sono importanti anche le influenze melodiche di standard entrati nella tradizione e le influenze ritmiche delle tradizioni brasiliana e cubana». Elementi, questi, che Rebulla ha appreso fin dagli anni ’90, studiando batteria col suo maestro Mario Zanisi, e perfezionandosi a New York dove si è laureato in musica nel 2011. Da lì è rientrato in Italia conquistandosi subito un posto di rilievo nel jazz nazionale e realizzando, tra le pietre miliari della sua carriera, accanto al progetto che lo vedrà a Vicenza in veste di leader, l’album "Forced Perspectives" del 2015. Al sax alto lo accompagnerà Francesco Bianchi, pesarese formatosi tra la sua città, Milano e i seminari di Urbino e Siena Jazz, mentre pianista della band sarà Simone Daclon, milanese che ha in curriculum studi con il vicentino Paolo Birro e collaborazioni con artisti come Mario Biondi e Malika Ayane. Chiude il quartetto un altro milanese, il contrabbassista Marco Vaggi, già nella vicentina Lydian Sound Orchestra di Riccardo Brazzale. •

L.P.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1