25 aprile 2019

Spettacoli

Chiudi

19.04.2018

Working Title Film Festival punta sugli autori stranieri

Un frame del film che apre il Festival, “Non ho l’età” di Olmo Cerri
Un frame del film che apre il Festival, “Non ho l’età” di Olmo Cerri

Enzo Pancera VICENZA Il Working Title Film Festival (WTFF), rassegna autoctona vicentina sul rapporto lavoro-media, giunge alla 3ª edizione, promossa da LIES-Laboratorio dell'inchiesta economico-sociale, e si terrà dal 27 aprile al 1 maggio prevalentemente al Teatro Comunale e anche nella sede di Exworks. Nella conferenza stampa di presentazione, tenuta al Foyer Alto del Teatro, Pier Giacomo Cirella, segretario generale della Fondazione Teatro Comunale, s'è detto molto lieto, anche a nome del presidente della Fondazione Roberto Ditri, di ospitare il Festival nel Ridotto che tra i suoi fini vuole aggiungere gli interessati a cinema e audiovisivi ai frequentatori del teatro amanti di danza, prosa e musica. Il segretario ha sottolineato che il WTFF valorizza il cinema e la creatività indipendente soprattutto per l'impegno della direttrice artistica Marina Resta. Che ha preso la parola annunciando le novità introdotte dalla 3ª edizione. Dopo la crescente fioritura dei primi due anni al Cinema Primavera il WTFF approda al Teatro Comunale che garantisce una sede più centrale e servita. Inoltre lo spazio di Exworks, struttura industriale anni '50 convertita in design store (strada del Pasubio, 106 G), da ambito per interessanti iniziative concomitanti diventa il luogo del Festival sabato 28 aprile. Roberto Dori di Exworks si è compiaciuto del ruolo accresciuto con l'ospitalità della conferenza 2008-2018 Rappresentazioni del lavoro nell'audiovisivo in un decennio di crisi, con docenti e ricercatori assai qualificati, e la successiva proiezione di 8 corti, con taglio sperimentale, tra i quali sarà subito individuato il vincitore dalla giuria composta da Raffaella Rivi e Guglielmo Trupia. Quest'anno, ha chiarito Marina Resta, il concorso, sperimentato nell'edizione precedente è confermato per 3 sezioni affidate a 3 agili giurie di due membri: oltre alla citata, quella dei lungo- mediometraggi (Alexandra Kaufmann e Paolo Chirumbolo) e dei corti (Silvia Jop e Corrado Ceron). Il bando di concorso internazionale ha attirato una 70ina di aspiranti tra i quali sono stati selezionati 32 film, due terzi di produzione estera (6 dalla Germania, 2 ciascuno da Usa Austria Svizzera Francia Belgio Olanda e infine 1 rispettivamente da Spagna Canada Tailandia Algeria. Apre la rassegna venerdì 27 (alle 19) Non ho l'età di Olmo Cerri, discendente di emigranti italiani in Svizzera, che documenta come nei '60 Gigliola Cinquetti e le sue canzoni furono un ancoraggio identitario-culturale per gli esuli che alla cantante veronese indirizzarono lettere cariche di sentimenti. Segue (alle 21) The Harvest di Andrea Paco Mariani, presentato da Cgil, Cisl e Uil di Vicenza – benvenute tra gli sponsor del Festival – che tratta dello sfruttamento di braccianti dell'indiano Punjab nell'Agro Pontino con un taglio che usa anche il musical. Marina Resta, infatti, segnala come caratteristica dei film in rassegna la varietà delle intonazioni non più limitate alla contrapposizione documentario-fiction ma aperte alla sperimentazione e al riciclo di materiali diversi anche del web. Alle proiezioni si accede con biglietto singolo (6 euro) con accredito complessivo (€ 40). A Exwork il 28 aprile si entra con offerta libera. Fino a domenica 22 aprile si può partecipare al crowdfunding WTFF 3 (20 euro per borsa e spilletta del Festival, 40 tutte le proiezioni, borsa e spilletta). Tutti i dettagli sul Festival, i film, gli eventi e anche i protagonisti si trovano on line su www.workingtitlefilmfestival.it. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Enzo Pancera
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Verdi Lonigo