13 agosto 2020

Spettacoli

Chiudi

16.02.2020 Tags: Cinema

Dampyr non è solo un cinecomic Si parla di guerra

Riccardo Chemello sul set suggestivo del film DampyrIl regista scledense Chemello
Riccardo Chemello sul set suggestivo del film DampyrIl regista scledense Chemello

Creare dei percorsi sorprendenti, tra salti e acrobazie, è una delle doti principali di un atleta di parkour. Lo sa bene Riccardo Chemello, che per anni ha praticato questo sport e che ha usato il suo talento per tracciare una brillante carriera, che l'ha portato dai primi video amatoriali all'imminente debutto cinematografico con “Dampyr”. Il film è tratto dall'omonimo fumetto della Bonelli ed è una delle opere prime italiane più care di sempre con un budget di 12 milioni. Ambientato durante la guerra nei Balcani degli anni Novanta, il film segue le vicende di Harlan Draka, un misterioso girovago che scopre di essere un dampyr, mezzo umano e mezzo vampiro, e deve usare i propri poteri per sconfiggere le forze del Male. Il cast internazionale è formato da attori come Wade Briggs, Stuart Martin e Frida Gustavsson, che si sono fatti le ossa in importanti film e serie Tv. Dopo undici settimane di riprese, la pellicola ora è in fase di montaggio, ma non c'è ancora una data di uscita in sala. “Dampyr” è il primo tassello del Bonelli cinematic universe, un progetto ad ampio raggio dell'editore che punta a sfruttare i suoi personaggi sul modello della Marvel. Per avviare questa avventura è stato scelto Riccardo Chemello, nato a Schio nell'89, che vive a Milano, dove lavora come regista pubblicitario. Chemello, come è iniziata la sua carriera? Quindici anni fa, sono partito come atleta di parkour e assieme a degli amici ho fondato una squadra, Krap, e una palestra che è diventata famosa in tutto il mondo. Io mi occupavo dell'immagine del gruppo, così ho iniziato a fare i primi video. Quando ha trasformato la sua passione in un lavoro? A ventun anni volevo dimostrare che il parkour poteva essere praticato anche al di fuori delle solite periferie urbane, diventando un mezzo per scoprire nuove culture. Ho iniziato quindi a girare il mondo filmando acrobazie in contesti suggestivi e città meravigliose. Dal nulla questi video, che mescolavano racconti di viaggio e gesti atletici, hanno raccolto su Youtube centinaia di migliaia di visualizzazioni. Da lì hanno iniziato a chiamarmi per i primi lavori. Com'è il mondo della pubblicità? È un settore molto concreto in cui vieni valutato per la tua visione. Perciò è importante definire uno stile che ti caratterizza e selezionare con cura i lavori da fare. La scelta delle inquadrature e dei movimenti della cinepresa, sono le sfumature che ti permettono di trovare il tuo modo unico di comunicare per immagini. Come è arrivata la chiamata per “Dampyr”? Mi ha voluto Andrea Sgravati di Brand Box, che assieme a Bonelli editore e Eagle Pictures ha prodotto il film. Lui ha visto i video che ho realizzato e si è convito del mio potenziale. Dove è stato girato il film? Abbiamo cambiato spesso location, viaggiando in tutta la Romania da Bucarest alla Transilvania (una regione che consiglio a tutti di visitare), finendo anche in una miniera a cinquecento metri sottoterra. Che film sarà “Dampyr”? Non sarà il classico cinecomic, ma un prodotto nuovo con sfumature horror, fantasy e alcuni momenti più crudi, perché si parla anche della guerra. Ha mantenuto dei legami con la sua città natale? Amo lavorare e vivere a Milano, ma sto bene anche a Schio e infatti ci torno quasi tutti i weekend. Ho passato tanti anni a girare il mondo, ma alla fine il luogo più bello è casa.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1