giovedì, 06 agosto 2020
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

13.01.2020

Papera e porti

Il politicamente corretto nel calcio fa più ribrezzo che nella vita. Prendiamo per esempio il battibecco tra Antonio Conte e Fabio Capello. Il secondo aveva osato dire che l’Inter è forte nel contropiede. Il primo s’è infervorato: «Ma che dici? Noi giochiamo altissimi». Sì certo, altissimi e purissimi, per scomodare Mike Bongiorno. Don Fabio non soltanto, come si dice a Roma, ha fatto pippa, ma s’è dovuto pure giustificare: il contropiede va chiamato “ripartenza” e l’Inter è fortissima perché quando attacca lo fa bene e quando difende si chiude bene. Amen. Ma a questi geni della lampada possiamo insegnare che giocare in contropiede non è una bestemmia? Ché i sapientoni confondono il contropiede con il catenaccio. Due cose totalmente diverse. Nella prima, rubo palla all’avversario e lo attacco quando lui ancora pensa di potersi proiettare in avanti, (non a caso, nel tennis, il colpo è in contropiede quando io vado per prendere palla verso sinistra e l’avversario me la tira a destra); nella seconda, metto nove giocatori dal mio centrocampo in giù e spero che il 90° arrivi presto. Per capirci: nella boxe ci son stati campioni che aggredivano l’avversario costantemente, (Tyson); e altri che aspettavano che il contendente si scoprisse quel tanto per colpirlo, (Lewis). Dei due non sapremo certo dire chi sia stato il migliore. Succederà questo: Sarri e Gasperini saranno invitati alla Leopolda; Allegri ed Inzaghi invece a fare i giurati sovranisti a Miss Padania. Resta da capire dove finirà Gattuso che proprio contro la Lazio ha dominato ma s’è ritrovato all’inferno per una papera d’antologia del colombiano Ospina. Diletto lettore, va a vedere che ha combinato ‘sto discendente di Higuita. E non avrai dubbi: porti e soprattutto porte. Chiusi. •

di GIANCARLO MARINELLI
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1