domenica, 18 agosto 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

12.07.2019

Uno stucchevole gioco delle parti

Se litigano su quel che condividono, cioè l’autonomia, figurarsi che accadrà quando dovranno vedersela con ciò che li divide come la Tav. Eppure, è il paradossale risultato del vertice di maggioranza finito bruscamente fra leghisti e pentastellati al tavolo in teoria istituzionale di Palazzo Chigi. Oggetto del contendere, infatti, era il tema, caro alle tre Regioni richiedenti - Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna - delle prerogative che lo Stato dovrebbe attribuire secondo la lettera e lo spirito dell’articolo 5 della Costituzione, uno dei più belli e lungimiranti. Stabilisce che la Repubblica «una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali». La cornice, dunque, è chiara per tutti: l’unità e indivisibilità dell’Italia è un principio inderogabile. Rispettandolo, è interesse generale far valere le diversità che rendono unica la nazione. «Autonomia differenziata», è stata non per caso battezzata l’iniziativa che intende spostare competenze e responsabilità da Roma alle Regioni «per premiare il merito e punire gli sprechi», come dicono i proponenti. È l’idea, che nel complesso sembra interessare otto delle venti Regioni, per cui il buon esempio finisce per trascinare le istituzioni locali che invece faticano. Si pensi alla sanità: le tante eccellenze in questo settore, e in varie parti d’Italia, fanno da punto di riferimento per gli ospedali e i reparti, anch’essi in varie parti del Paese, che invece arrancano con personale, mezzi e ricoveri. La sana competizione fa bene anche nell’organizzazione di settori strategici. La leale collaborazione fra tutti gli enti della Repubblica è il segreto locale e nazionale della buona riuscita. Del resto, su questo presupposto di buonsenso concorda l’intero arco politico. Ma, allora, perché Salvini e Di Maio si rinfacciano «lo stop offensivo» (versione leghista) o il rischio di «regionalizzazione della scuola» (versione pentastellata) sulla riunione fallita? Perché il premier Conte avverte che «non si può trasferire ogni competenza»? La realtà è che anche una questione già politicamente cotta e mangiata s’è invece trasformata in una sfida, l’ennesima, fra i due contendenti del governo. Salvini giurava che l’autonomia si sarebbe fatta, e perciò Di Maio, cioè il suo antagonista, intanto frena. Gli uni accusano la Lega di voler introdurre gabbie salariali fra Nord e Sud, gli altri ribattono che è tutta una farsa. Niente di nuovo, nel gioco delle parti. •

di FEDERICO GUIGLIA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1