lunedì, 01 giugno 2020
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

16.02.2020

Politica in trincea Conte sale al Colle

Si erano tanto amati, quando insieme governavano. Ma ora che i carissimi nemici Luigi Di Maio e Matteo Salvini si sono da tempo lasciati, ecco che entrambi scoprono l’elisir di lunga vita politica: per riconquistare i consensi perduti - nel caso del primo - o per mantenerli, nel caso del secondo, la via maestra è una sola: far valere l’anima barricadera che è in loro. E così Di Maio partecipa da ex leader al ritorno in piazza dei Cinquestelle. Al grido battesimale di «onestà!», i grillini si sono ritrovati a Roma per rilanciare l’antica battaglia contro i vitalizi. E per difendere la controversa riforma della prescrizione propugnata dal loro ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, dagli attacchi soprattutto di Matteo Renzi, l’inafferrabile e (pare) irriducibile alleato nella maggioranza. «Serve uno Stato che punisca i furbi», dice Di Maio ai militanti. Non è da meno Salvini, che rievoca il mai sopito antieuropeismo della Lega, elogiando il comportamento degli inglesi con la Brexit, «perché o l’Europa cambia o non ha più senso di esistere». Salvo poi precisare che nessuna Italexit è all’orizzonte, e dunque allineandosi alle parole dell’ex sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Il quale ha archiviato anche l’altra idea leghista delle origini di uscire dall’euro. Gli appelli più di lotta che di governo dei due movimenti - l’uno tuttora a Palazzo Chigi, l’altro con l’obiettivo di tornarvi dopo il richiesto voto anticipato - riassumono lo spirito con cui si muovono i politici d’ogni schieramento: nei panni di chi recita sempre la parte dell’oppositore, a prescindere dai ruoli fuori dal governo o perfino dentro. È una tentazione che a turno colpisce tutti i partiti. Tanto più incalzante, quando i governi faticano, come l’attuale Conte 2 che naviga fra venti di crisi. Il presidente del Consiglio è salito ieri mattina al Quirinale proprio per parlare delle tensioni sulla riforma-Bonafede contestata duramente da Matteo Renzi, quasi un «oppositore di governo». La tenuta della maggioranza è il fulcro delle attenzioni del premier e del Colle. Ma quando lo scenario è del tipo che alla fine tutti contestano tutto, e che all’opposizione per ruolo - il centrodestra - s’aggiungono gli oppositori nella maggioranza stessa, non si fa molta strada. Jacques Chirac, che fu per due volte presidente della Repubblica in Francia, una volta ammonì: «Opporsi è come andare in bicicletta. Quando si smette di pedalare, si cade». •

di FEDERICO GUIGLIA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1